Aiutò il latitante mafioso Scalavino: il tribunale gli sequestra beni per 6 milioni

carabinieri-palermo-sequestro-PISCITELLOPalermo, 24 giu – Un’attività svolta dal Nucleo Investigativo di Palermo ha consentito l’emissione da parte del Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, del provvedimento di sequestro di beni per un valore complessivo di circa 6.000.000 di euro a carico di Francesco Paolo PISCITELLO, palermitano di 65 anni, tratto in arresto nell’ambito dell’operazione denominata “PERSEO”.

Le indagini patrimoniali sono consequenziali all’operazione che, nel dicembre del 2008, aveva consentito di trarre in arresto, tra gli altri, il PISCITELLO perché ritenuto responsabile di aver aiutato l’allora latitante Enrico SCALAVINO, della famiglia mafiosa di Palermo Corso Calatafimi, a sottrarsi alle ricerche dell’autorità fornendogli appoggio logistico consistito nel mettergli a disposizione un appartamento, con l’aggravante di avere commesso i fatti al fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa “Cosa Nostra”.

Il PISCITELLO, per tali fatti, veniva condannato ad anni 2 di reclusione.

La complessa attività investigativa patrimoniale, svolta attraverso minuziosi accertamenti sui beni riconducibili al predetto ed ai suoi familiari, ha consentito di individuare e sequestrare il patrimonio illecitamente accumulato, non ritenuto dal Tribunale di Palermo giustificato dai redditi percepiti, e costituito da:

  • impresa individuale nel settore edile denominata “POLIEDIL COSTRUZIONI DI PISCITELLO GIOVANNI” con relativo complesso di beni aziendali, con sede in Palermo;
  • 5 magazzini siti in Palermo e Cefalu’ (PA);
  • 13 appartamenti siti in Palermo;
  • quota di ½ di appartamento sito in Palermo;
  • 1 palazzina composta da tre piani sita in Palermo;
  • 1 fabbricato sito in Palermo;
  • 1 villa sita in Altofonte (PA);
  • 1 appezzamento di terreno edificabile sito in Palermo;
  • 4 diritti di usufrutto su immobili siti in Palermo;
  • 2 diritti di usufrutto su villini siti Campofelice di Roccella (PA);
  • 4 nude proprietà di immobili siti in Palermo;
  • 2 nude proprietà di villini siti Campofelice di Roccella (PA);
  • 40 rapporti bancari;
  • 12 veicoli.
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.