Stipendi, sindacati polizia divisi. Consulta: l’astensione? Un successo, ma il SIULP: un flop

polizia-reparto-mobileRoma, 24 set – «Astensione dal lavoro per 3 ore in tutta Italia: un grande successo!». Questo l’incipit della nota con la quale la Consulta Sicurezza, formata dai sindacati Sap (Polizia di Stato), Sappe (Polizia Penitenziaria), Sapaf (Corpo Forestale dello Stato) e Conapo (Vigili del Fuoco) ha voluto “quantificare” l’adesione all’iniziativa organizzata ieri e che prevedeva una parziale astenzione del lavoro per riunioni sindacali.

«Migliaia e migliaia di poliziotti, penitenziari, forestali e vigili del fuoco – si legge nella nota – che si sono astenuti dal lavoro per 2 o 3 ore, altrettanti operatori che si sono assentati dal servizio per donare il sangue, un dato medio di adesione pari al 60 per cento del personale disponibile con punte del 90 per cento a Imola e dell’ 80 per cento a Ferrara».

Di opposto avviso  invece il Siulp, il maggiore sindacato della Polizia di Stato che parla di «pochissime centinaia di poliziotti in tutta Italia» e aggiunge che «la paventata grande adesione alla protesta dei sindacati minoritari non c’è stata e non poteva essere altrimenti, poiché la questione del tetto salariale gestita in maniera responsabile ed equilibrata nei rapporti con il Governo dal cartello unitario composto dai Sindacati di Polizia, Penitenziari, Forestali, Vigili del Fuoco e Cocer delle forze di polizia militari e forze armate, in rappresentanza del 94% del personale dei Comparti Sicurezza e Difesa, ed a cui il giorno 7 ottobre il premier Renzi metterà la parola fine a completamento del positivo lavoro svolto sino ad oggi».

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.