Napoli: Movida sicura, Esercito e Forze dell’Ordine a Chiaia e sul lungomare

Napoli-Strade-SicureNapoli, 26 apr – Forze dell’ordine e militari dell’Esercito impegnati nell’operazione “Strade Sicure” svolgeranno servizi congiunti dal venerdì alla domenica nelle zone della movida napoletana, in particolare Chiaia e il lungomare.

Lo ha deciso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato a seguito degli episodi di violenza registrati nei giorni scorsi che hanno suscitato allarme nell’opinione pubblica.

Alla riunione, presieduta dal prefetto Carmela Pagano, hanno partecipato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, accompagnato dal vicesindaco Raffaele Del Giudice e dal comandante della Polizia Municipale Ciro Esposito, il questore Antonio De Iesu e i comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Ubaldo Del Monaco e Gianluigi D’Alfonso.

Dopo l’ampia disamina delle caratteristiche del fenomeno, il Comitato ha espresso parere favorevole “all’immediato rafforzamento del dispositivo di controllo del territorio sui principali siti della movida, sensibili sotto molteplici aspetti”.

In particolare, a partire dal quadrilatero della movida di Chiaia e sul Lungomare, dal venerdì alla domenica, nelle ore serali e notturne verranno attuati servizi congiunti delle forze dell’ordine e dei militari dell’operazione “Strade Sicure” con pattuglie miste appiedate e itineranti funzionali allo scopo, che potranno intervenire rapidamente in caso di necessità, esercitando inoltre “un’indubbia azione deterrente e di rassicurazione dei cittadini”.

Nelle stesse zone si spiegherà anche l’intervento della Polizia Municipale per i profili di competenza.Saranno proseguite, inoltre, da parte del Comune di Napoli le iniziative già avviate, “intese a creare sinergia e consenso tra i pubblici esercenti interessati e i comitati di cittadini su un insieme di regole condivise che possano creare responsabilmente condizioni di migliore fruizione degli spazi cittadini, garantendo i diritti di tutti”.

In tale ambito, spiega una nota della Prefettura, “si farà riferimento alla recente normativa sulla sicurezza delle città, definitivamente approvata dal Parlamento, utilizzando tutti gli strumenti, quali ordinanze o regolamenti, dalla stessa messi a disposizione dei ?s?indaci per assicurare il decoro e la vivibilità della città nonché le risorse messe a disposizione per il potenziamento degli impianti di videosorveglianza urbana”.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.