Amianto: sentenza maxi risarcimento a Vigile del Fuoco

Vigile-del-fuocoRoma, 16 apr – «Accogliamo con favore la sentenza del tribunale civile di Genova che ha condannato il ministero dell’Interno al maxi risarcimento di 600mila euro in favore degli eredi del vigile del fuoco spezzino deceduto nel 2010 per esposizione all’amianto. I nostri avvocati Piero Frisani e Elena Moretti del foro di Firenze hanno saputo portare a termine una difficile e lunga battaglia legale che costituisce ora un precedente favorevole anche per tutti gli altri familiari dei numerosi pompieri che nel corso del servizio sono venuti a contatto con la fibra killer».

Ad affermarlo è Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, il sindacato autonomo che da anni sta portando avanti iniziative a tutela e protezione dei vigili del fuoco dal pericolo amianto.

«Putroppo il problema non è un problema superato – spiega Brizzi – ancora oggi l’amianto è diffusissimo nei materiali da costruzione, e noi vigili del fuoco ne veniamo a contatto inconsapevolmente durante gli incendi o i terremoti, eppure lo stato non ci riconosce come categoria esposta a questo pericolo, nonostante l’alta incidenza dei decessi certificata dai rapporti del registro nazionale mesoteliomi».

«Ai familiari va la nostra vicinanza ed il nostro affetto, consapevoli che nessuna cifra potrà mai risarcire un parente deceduto. Dal canto nostro, come sindacato, proseguiremo in queste battaglie e siamo a disposizione per aiutare quanti hanno avuto la sfortuna di incappare in queste disgrazie» fanno sapere dal Conapo.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.