Legge “salva generali”, La Russa scrive alle vittime di Nassiriya

larussa7Pronto ad accettare eventuali richieste di risarcimento. Roma, 17 mar – “Caro appuntato”, comincia così una delle lettere che il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha scritto ai feriti e ai familiari delle vittime della strage di Nassiriya. Due pagine in tutto, dove il ministro comunica innanzitutto che “durante la conversione del decreto legge n° 152 del 2009, destinato alla proroga delle missioni internazionali è stata estesa – per iniziativa parlamentare – la norma che condiziona all’espressa richiesta del Ministro la punibilità di alcuni reati previsti dal codice penale militare di pace”. La norma in questione, subito ribattezzata dai media in “salva-generali” di fatto blocca i processi in corso ai comandanti della base italiana in Iraq, attaccata dai terroristi il 12 novembre 2003. Il ministro inoltre aggiunge di non avere ancora deciso se bloccare o no il processo (“Non ho fin qui maturato un orientamento univoco”) e si dice pronto ad accettare eventuali richieste di risarcimento (“Mi piacerebbe che fossero avanzate richieste serene e precise”, per individuare “il giusto livello di riparazione”).

Spettacolare!
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.