Vandali saccheggiano l’albero della Memoria a Palermo. Maccari (COISP): “Atti vigliacchi che non cancelleranno la Memoria di chi ha perso la propria vita per il nostro Paese”

albero-falcone300Roma, 25 – “Uno scempio morale, un oltraggio alla memoria, uno sfregio per l’intero Paese”. Con queste parole Franco Maccari, il Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – commenta la notizia circa gli atti vandalici perpetrati ai danni dell’albero della Memoria che ricorda, a Palermo, il sacrificio del Giudice Falcone e degli Uomini della sua scorta. Ed il Segretario Generale del Coisp, il 23 maggio, giorno della strage, sarà proprio nel capoluogo siciliano per ricordare quei tragici eventi. “Evidentemente qualcuno – dice Franco Maccari – ha pensato che con un gesto stupido e arrogante si potesse cancellare l’esempio di Uomini il cui sangue scorre ancora nelle vene di quelle persone coraggiose, come i Poliziotti e tutti gli Operatori delle Forze dell’Ordine, che quotidianamente si battono per sconfiggere il potere di una malavita organizzata che uccide senza pietà”. “Ma sbaglierebbe – continua il leader del Coisp – chi pensasse che il male e l’illegalità siano solo quelli con pistole e fucili alla mano. Purtroppo l’illegalità è una condizione diffusa che si annida negli uffici, in una parte della politica e in quelle pieghe malate di una burocrazia che non minaccia con le pistole ma con le penne”. “E questo il Giudice Falcone – dice sempre Maccari – lo aveva capito bene già vent’anni fa quando la sua lotta era indirizzata non solo al braccio armato della malavita organizzata, ma anche a quella mafia dai colletti bianchi che in questi anni, in Sicilia, come in Calabria e in Campania, ha fiancheggiato e foraggiato la malavita con atteggiamenti più o meno palesemente accondiscendenti”. “Il gesto sconsiderato di qualche vile delinquente – conclude il Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia – non cancellerà quanto Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, gli Uomini della scorta e le Forze dell’Ordine hanno fatto e continuano a fare a Palermo e in Sicilia”. ico_commenti Commenta
foto Guarda le foto
tmbalbero-falcone tmbalbero-falcone1 tmbalbero-falcone2 tmbalbero-falcone3
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.