F-35, Difesa: Nel 2020 saranno meno di quanto previsto in passato

F-35-frontRoma, 28 mag – “Al fine di proseguire nella politica di trasparenza e corretta informazione del Dicastero, vorremmo rettificare quanto riportato oggi dal Corriere della Sera”.

E’ quanto si legge in una nota di Palazzo Baracchini in relazione ad un articolo pubblicato nell’edizione odierna del Corriere della Sera.

“Nell’articolo in questione – prosegue la nota – si riporta che la Difesa acquisirà, fino al 2020, 4 velivoli in più rispetto a quanto dichiarato nel 2012 dall’allora Segretario Generale/DNA Generale Claudio De Bertolis nel corso di una audizione Parlamentare. In realtà, da una corretta lettura delle dichiarazioni fatte e dei documenti presentati in audizione si evince chiaramente che il Gen. De Bertolis ha sempre parlato di ‘velivoli che saranno consegnati‘ e non di ‘velivoli acquistati‘”.

“I due numeri sono profondamente diversi e non vanno confusi, in quanto tra l’acquisto del mezzo, che prevede la sottoscrizione di un contratto vincolante, e la sua effettiva consegna passano oltre due anni. E’ facilmente verificabile dagli atti che il piano ipotizzato a livello tecnico dal Gen De Bertolis prevedeva di ‘acquistare’ entro il 2020 46 velivoli e di averne ‘consegnati e disponibili’ 34″.

“Il Documento Programmatico di Pianificazione 2015-17 presentato al Parlamento – spiega il ministro della Difesa – prevede, invece, ‘l’acquisizione‘ entro il 2020 ‘fino a 38 velivoli‘, mentre invece non indica il numero dei velivoli che saranno consegnati entro la stessa data”.

“Per altro – conclude la nota -, considerato il significativo rallentamento del programma intercorso negli ultimi tre anni e la riduzione complessiva del volume di acquisizioni previste nel periodo, è ipotizzabile che i velivoli consegnati e disponibili saranno, nel 2020, almeno un terzo di meno rispetto a quanto comunicato nel 2012 dal Generale De Bertolis”.

Per essere più chiari, il ministro Roberta Pinotti risponde a muso duro agli oppositori della Difesa.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.