Ex carabiniere, ISIS? I nuovi mostri

isis-scozzeseRoma, 14 set (di Valerio Mattioli) Persino i serial killer più feroci della storia inorridiscono di fronte agli orrori compiuti da questi nuovi criminali. Se fosse esistito sul serio, il personaggio cinematografico di Hannibal Lecter passerebbe per un pivellino. Eppure, nel ventunesimo secolo questa è cronaca di tutti i giorni.

Per tanti anni della nostra vita ci siamo abituati a vedere sorgere lo stesso sole all’alba e ad andare a letto contemplando la medesima luna. Ora non sarà più così. Dovremo combattere duramente per dare al presente ed al futuro una garanzia di vita che permetta ai nostri figli di vivere senza essere attanagliati dal terrore di veder la propria testa rotolare ad opera di un jihadista che, prima degli essere umani, ha preso in ostaggio Dio per giustificare le proprie inqualificabili azioni.

Non c’è religione che tenga per giustificare simili misfatti: cristiani ed altre minoranze religiose che vivevano in quelle terre da secoli cacciati via, uccisi o venduti come schiavi. Le coscienze degli uomini di buona volontà e di ogni religione si stanno ribellando, ma fermare questi esseri disumani non sarà né facile, né di breve durata. Nasce quindi una nuova forma di criminalità politica che persino Al Qaeda sembrerebbe disconoscere, sebbene, quanto a ferocia, non sia seconda a nessuno, e che riunisce tutti gli aspiranti serial killer desiderosi di ben figurare nella nuova macabra professione.

E’ una forma di criminalità politica che conquista interi Stati, annettendone i territori ed aspirando ad un riconoscimento politico, avendo come fine ultimo il potere. Sono criminali che usano la religione per accaparrarsi le coscienze dei più analfabeti, perché da sempre Dio è stato usato, in passato, come piede di porco per convincere i più riottosi ad obbedire; perché, nella storia, milioni di uomini hanno ucciso o sono morti, non per una propria convinzione personale, ma per obbedire a capi che non conoscevano neanche. Persino la Chiesa è scesa in campo, finalmente, per dichiarare che è lecito “fermare” gli aggressori, ma senza bombardare o fare la guerra. Date queste premesse, dovremmo presentarci a questi criminali con i fiori infilati nelle canne dei fucili?

Dio esiste, ne sono convinto, ma da lungo tempo è stato preso in ostaggio da criminali senza scrupoli e, nella sua infinità bontà, sta lavorando con il doppio della fatica per fermare gli orrori appena narrati e superare la stupidità degli occidentali che prima di intervenire si faranno precedere da fiumi di inchiostro ed interminabili dibattiti.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.