USA: il Pentagono chiede nuove regole di ingaggio per la cyberguerra

flame-virusWashington, 10 ago – Il Pentagono chiede di ampliare le regole di ingaggio per la cosiddetta cyberguerra, in modo da poter intervenire anche nelle reti informatiche civili, comprese quelle all’estero. Attualmente i militari possono intraprendere azioni per bloccare virus informatici solo all’interno della propria rete, ma il Cyber Comando creato due anni fa vuole poter bloccare potenziali attacchi a centrali elettriche, sistemi di distribuzione dell’acqua potabile e altri impianti chiave.

Le nuove regole d’ingaggio proposte sono state esaminate con cura per evitare violazioni di legge internazionale, scontri con paesi alleati o il blocco di reti civili. Fonti del Pentagono riferiscono che le nuove regole dovrebbero essere assai ristrette e permettere l’azione solo in caso di emergenza, se vi sono credibili informazioni d’intelligence su una minaccia che potrebbe provocare morti, gravi danni o rischi per la sicurezza nazionale. Al momento il segretario alla Difesa Leon Panetta non ha ancora deciso se autorizzare o meno questa estensione delle azioni difensive di cyberguerra. (Adnkronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.