Siria: per la prima volta ribelli ricevono armi dagli Stati Uniti

armi-siriani400Il Cairo, 11 set – I ribelli siriani hanno ricevuto per la prima volta un carico di armi da parte degli Stati Uniti. Il portavoce della Coalizione nazionale siriana, Abdel Qader Saleh, ha annunciato attraverso l’emittente televisiva “al Arabiya” da Washington, ha reso noto che per la prima volta sono state distribuite dall’amministrazione statunitense ai ribelli siriani, impegnati a combattere contro il regime di Bashar al Assad, armi e munizioni. In precedenza erano state inviate solo apparecchiature e attrezzature militari ma mai armi da guerra. Solo lo scorso giugno il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, aveva deciso di inviare aiuti militari ai ribelli siriani, a due anni dall’inizio della guerra in Siria.

A prendere in consegna le armi made in Usa – secondo l’agenzia di stampa Nova – sono stati i vertici dell’Esercito libero tra cui il capo Salim Idriss, questo perchè secondo Saleh “Washington è convinta che consegnando all’Alto consiglio militare le armi esse finiranno nelle mani giuste e non in quelle sbagliate” riferendosi ai gruppi jihadisti come quello del Fronte di Salvezza, inserito nella lista dei gruppi terroristici proprio dagli Stati Uniti.

Incrociatore russo “Moskva” entra nel mediterraneo

Intanto l’incrociatore “Moskva”, la nave ammiraglia della Flotta russa del Mar Nero, è entrata nel Mediterraneo dall’Atlantico, attraverso lo Stretto di Gibilterra e si sta dirigendo verso le coste siriane. Lo ha dichiarato una fonte diplomatico-militare all’agenzie Interfax-AVN. Secondo la fonte, la “Moskva” raggiungerà la destinazione assegnatale tra il 15 e il 16 settembre, quando prenderà il comando delle unità della Marina russa già presenti nel Mediterraneo, al momento guidate dalla nave anti-sommergibile “Ammiraglio Panteleev”.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.