Russia: soldati alle Curili fanno la fame, aperta inchiesta

soldati-russi1Ai militari servito cibo marcio e infestato da vermi. Khabarovsk, 6 feb – Ennesimo scandalo nell’esercito russo: i militari di stanza nelle Isole Curili, l’arcipelago nel Pacifico conteso con il Giappone, fanno la fame pur di non esser costretti a mangiare cibo marcio e infestato da vermi. La denuncia, lanciata dalla stampa russa, è stata raccolta dalle Forze Armate, che hanno aperto un’inchiesta. Lo riferisce all’agenzia Ria Novosti il portavoce del procura militare locale Andrei Metchenko. “La procura del distretto militare orientale, con il coinvolgimento della procura militare della guarnigione di Goryachiye Klyuchi, ha organizzato una verifica sulla conformità delle forniture alimentari nell’unità militare dell’isola di Kunashir con la legislazione sanitaria ed epidemiologica” ha detto Metchenko. Secondo la stampa i soldati e gli ufficiali di stanza nelle Curili meridionali vengono nutriti con cibo infestato da vermi e sono costretti a soffrire la fame. Ieri il portavoce del distretto militare orientale, il colonnello Alexander Gordeyev, ha smentito tali notizie.

Nel 2010 scoperta scorta cibo per cani destinata alle truppe

La procura militare centrale ha confermato di aver aperto un’inchiesta, spiegando che i pubblici ministeri “esamineranno ogni circostanza, compresa la qualità della forniture di cibo, della cucina, dell’acqua potabile e la loro conformità alle norme sanitarie”. La Russia ha della guarnigioni nelle Curili meridionali, oggetto di una disputa con il Giappone, che chiana le isole i suoi Territori settentrionali. Il contenzioso sulle isole, occupate dall’esercito sovietico nell’agosto 1945, ha fatto sì che Russia e Giappone non abbiano ancora firmato il trattato di pace per la fine della Seconda Guerra Mondiale. Da vent’anni a questa parte gli scandali sulle condizioni di vita e sulla qualità del cibo nelle Forze Armate russe sono all’ordine del giorno. Nel 2010 il quotidiano Kommersant rivelò che mille tonnellate di cibo per cani erano state scoperte in un deposito dell’esercito insieme a una serie di prodotti alimentari scaduti, destinati al consumo da parte dei militari. (TMNews)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.