Londra, attacco al Parlamento, Consolato italiano: per ora non risultano italiani coinvolti

londra-attacco-parlamentoSecondo fonti della Polizia inglese i morti nell’attacco sono 4. Roma, 22 mar – Il Consolato Generale, in stretto raccordo con l’Ambasciata d’Italia a Londra e l’Unità di Crisi della Farnesina, sta effettuando tutte le verifiche del caso d’intesa con le autorità britanniche.

Al momento non risultano connazionali coinvolti nell’attacco di Westminster, secondo quanto apprende l’Adnkronos.

Un funzionario della polizia Italiana, in servizio presso l’Ambasciata, si è recato immediatamente nella zona di Westminster per le verifiche del caso.

Intanto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha convocato, per la mattinata di domani al Viminale, una riunione del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (C.A.S.A.)a seguito dell’attentato di Londra. Al Comitato, presieduto da Minniti, parteciperanno i vertici delle Forze di Polizia e dei servizi di Intelligence per uno scambio di informazioni ai fini della valutazione della minaccia terroristica.

Minniti, secondo quanto si apprende, si mantiene in queste ore in continuo e costante contatto con i vertici di polizia per essere informato sugli sviluppi delle indagini dopo l’attentato di Westminster.

TESTIMONI, ASSALITORE COLTELLO UOMO SUI 40 ANNI DI ASPETTO ORIENTALE

Testimoni citati dal Daily Telegraph descrivono l’assalitore armato coltello a Westminster come di un uomo di una quarantina di anni di aspetto asiatico. Il coltello che brandiva era lungo 20 centimetri circa.

«Stavamo fotografando il Big Ben quando abbiamo visto la gente correre nella nostra direzione e poi questo tipo asiatico, di circa quarant’anni, con un coltello di 17-20 centrimetri. Poi ci sono stati tre spari, abbiamo attraversato la strada e guardato: l’uomo era steso per terra in una pozza di sangue», ha raccontato uno di loro.

POLIZIA DI LONDRA: 4 I MORTI NELL’ATTACCO

L’assalitore ha investito i pedoni sul Westminster Bridge prima di andarsi a schiantare sul cancello del Parlamento e quindi lasciare l’auto e proseguire. E’ sul ponte che ha ucciso due persone. Quindi ha accoltellato un agente a protezione del Parlamento, morto per le ferite riportate, ha reso noto l’assistente del Commissioner Mark Rowley. Nell’attacco sono rimaste ferite almeno 20 persone, fra cui tre agenti della polizia che stavano facendo ritorno da una cerimonia per la consegna di riconoscimento ufficiali, ha precisato.

ISIS: SOSTENITORI SUL WEB CELEBRANO ATTACCO, “SANGUE PER SANGUE”

I sostenitori dell’Is stanno celebrando sul web l’attacco al Parlamento di Londra come “sangue per sangue” e come vendetta per i raid a Mosul.

Lo scrive su Twitter Rita Katz, direttrice di Site, il sito di monitoraggio delle attività jihadiste sui social media.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.