Corea del Nord: lancio di un nuovo missile intercontinentale sul Giappone. Riunione di emergenza all’ONU

Corea del Sud: possiamo distruggerli, dialogo impossibile

Tokyo, 15 set – La Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile intercontinentale che ha sorvolato il Giappone, passando sopra l’isola settentrionale di Hokkaido, che ha percorso 3.700 chilometri, raggiungendo un’altezza di 770 chilometri, prima di inabissarsi nell’oceano Pacifico settentrionale, a circa 2.000 chilometri a Est di Erimo.

Il missile è stato sparato alle 6.57 ora giapponese dalla base di Sunan (le 23.57 ora italiana) non lontano da Pyongyang.

Dunque, dopo le nuove sanzioni dell’Onu contro la Corea del Nord, definite “malefiche” da Pyongyang, la risposta del “comandante supremo” Kim Jong-un non si è fatta attendere, con il lancio di un nuovo missile sul Giappone, ennesima sfida alla comunità internazionale del leader nordcoreano a meno di tre settimane da un altro missile, lanciato lo scorso 29 agosto.

Il missile balistico intercontinentale non era diretto verso la base americana di Guam (che la Corea del Nord ha minacciato il mese scorso di “circondare di un cerchio di fuoco) distante 3.200 chilometri dalla costa nordcoreana, ma quest’ultima è nel raggio d’azione di questo ordigno.

Il Pentagono ha tuttavia escluso una minaccia diretta per gli Usa e per l’isola americana, pur definendo il lancio “un’azione irresponsabile”. “Il Nord American Aerospace Defence Comand (Norad) ha stabilito che questo missile balistico non rappresenta una minaccia per il Nord America”, rende noto il Comando Usa del Pacifico.

Riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha intanto convocato per oggi una riunione di emergenza che si terrà a porte chiuse. La riunione, in programma alle 15 (ora di New York) è stata convocata su iniziativa di Stati Uniti e Giappone, ha riferito l’Onu.

All’ordine del giorno, come punto principale, la “non proliferazione nuclareare della Repubblica democratica della Corea del Nord”.

Tillerson, nuove sanzioni contro le “continue provocazioni” di Pyongyang

Dopo il nuovo lancio missilistico di Pyongyang, Washington chiede nuove sanzioni contro il regime di Kim e un intervento diretto di Cina e Russia. Alla luce delle “continue provocazioni” il segretario di Stato Usa Rex Tillerson, infatti, ha “invitato tutte le nazioni ad adottare nuove misure contro il regime” nordcoreano. Le recenti sanzioni decise all’unanimità dall’Onu, ha sottolineato, “rappresentano il punto di partenza e non quello di arrivo delle azioni che dovremmo intraprendere”.

Il lancio odierno, ha ricordato Tillerson, “per la seconda volta in poche settimane ha minacciato direttamente la popolazione del Giappone, alleato degli Stati Uniti”. E tali provocazioni, ha aggiunto, “non fanno che accrescere l’isolamento diplomatico ed economico della Corea del Nord”. Ma proprio per questo, ha concluso il segretario di Stato Usa, Cina e Russia “devono dare prova, con proprie azioni, che non tollerano” queste continue provocazioni di Pyongyang.

Moon Jae-in: possiamo distruggerli

Intanto il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in assicura che il suo paese ha la capacità di distruggere la Corea del Nord “in modo irrecuperabile”.

Il dialogo con Kim Jong-un è “impossibile in una situazione come questa”, ha affermato Moon Jae-in dopo il nuovo test missilistico balistico di Pyongyang, il 19° quest’anno citato dall’agenzia di stampa Yonhap.

“Nel caso la Corea del Nord lanci provocazioni contro di noi o i nostri alleati, abbiamo il potere di distruggere (chi le fa, ndr) in modo irrecuperabile. In situazioni come questa, il dialogo è impossibile.

Sanzioni internazionali e pressioni spingeranno ancora di più la Corea del Nord a scegliere null’altro che la sua uscita dal percorso di un dialogo sincero”, ha dichiarato. In risposta alla nuova provocazione di Pyongyang, Moon ha ordinato ai suoi militari di dare il via a test di missili balistici.

Sommario
Corea del Nord: lancio di un nuovo missile intercontinentale sul Giappone. Riunione di emergenza all'ONU
Article Name
Corea del Nord: lancio di un nuovo missile intercontinentale sul Giappone. Riunione di emergenza all'ONU
Descrizione
Tokyo, 15 set - La Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile intercontinentale che ha sorvolato il Giappone, passando sopra l'isola settentrionale di Hokkaido, che ha percorso 3.700 chilometri, raggiungendo un'altezza di 770 chilometri, prima di inabissarsi nell'oceano Pacifico settentrionale, a circa 2.000 chilometri a Est di Erimo.
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.