Afghanistan: talebani amputano mano e piede a presunto “ladro” 18enne

amputazione-mano-talebaniKabul, 14 mar – Nuovi orrori in Afghanistan: i Talebani sono accusati di aver amputato in pubblico una mano e un piede a un ragazzo di 18 anni accusato di furto.

La terribile “condanna”, con l’applicazione più spietata della sharia, è stata eseguita in una zona remota della provincia occidentale di Herat.

“La gente del posto è stata invitata ad assistere”, ha detto Jilani Farhad, portavoce del governo provinciale di Herat, che ha denunciato le atrocità di ieri pomeriggio nel distretto di Obe.

Il giovane è ricoverato in condizioni stabili nell’ospedale di Herat City, ha confermato Farhad. I Talebani, riporta la tv Tolo, sono accusati di aver tenuto prigioniero il ragazzo per un mese, prima di “processarlo” sommariamente in pubblico e di eseguire la terribile condanna con l’amputazione della mano destra e del piede sinistro.

La scorsa settimana le autorità della provincia di Badakhshan, nel nordest dell’Afghanistan, hanno denunciato l’uccisione di una donna accusata di adulterio dai Talebani e lapidata a morte.

A gennaio, nell’Afghanistan centrale, sei persone sono state condannate dai Talebani alla fustigazione in pubblico con l’accusa di furto e adulterio.(AdnKronos)

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.