Marina, incidente al 2° Gruppo Elicotteri di Catania: 4 feriti gravi uno in pericolo di vita

bretellaCatania, 14 dic – Una violenta tromba d’aria ha colpito oggi, intorno alla 15, l’hangar del 2° gruppo elicotteri della Stazione Elicotteri Marina Militare di Catania (MARISTAELI). Testimoni raccontano che una parte del tetto dell’hangar si è scoperchiato e la forza del vento ha letteralmente risucchiato, scardinandola, una delle enormi porte scorrevoli di chiusura facendola precipitare su un elicottero in manutenzione. All’interno del velivolo tre Sottufficiali specialisti tecnici elettronici che stavano effettuando dei test agli apparati, hanno visto la porta abbattersi su di essi ma fortunatamente la robusta cellula dell’elicottero li ha protetti. Illesi quindi ma sotto shock. Non altrettanto fortunati sono stati altri quattro specialisti che si trovavano all’esterno dell’elicottero: i Marescialli Angelo Di Fede, Nicola Magaldi, il sottocapo Davide Di Cara e un allievo motorista Andrea Signore. Il Magaldi versa in pericolo di vita all’ospedale “Garibaldi” di Catania e in questo momento è sottoposto ad un intervento chirurgico a causa delle numerose lesioni riportate. Gravi ma stabilizzate le condizioni di salute degli altri tre Sottufficiali che attualmente sono in coma farmacologico negli ospedali “Vittorio Emanuele” e “Cannizzaro”. L’incidente avrebbe potuto trasformarsi in tragedia se non fosse stato per una pala del rotore principale del velivolo che ha attutito lo schianto

Gli effetti della tromba d’aria del 1964

dell’enorme portellone. La storia purtroppo si ripete: Il 31 ottobre 1964 una tromba d’aria sull’aeroporto di Catania-Fontanarossa causò la distruzione di buona parte della flotta di velivoli, delle strutture e attrezzature tecniche e logistiche. La U.S. Navy donò tre elicotteri in quel momento imbarcati sulla portaerei USS Saratoga e il reparto si trasferì in nuove strutture ricostruite a sud dell’aeroporto.Aggiungi un commento

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.