L’ammiraglio e lo champagne, il Cocer: non è questa la Marina

FRANCESCO_MIMBELLI“La Marina non è champagne e mandorle tostate”. Roma, 9 ott – Non si è fatta attendere la risposta del Consiglio Centrale di rappresentanza della Marina militare, in merito alla vicenda pubblicata in esclusiva da GrNet.it relativa a comportamenti non molto sobri a bordo del “caccia” Francesco Mimbelli.

“Il Cocer Marina – si legge in pdf una nota firmata dal contrammiraglio Pietro Luciano Ricca -, interpretando i sentimenti dei suoi rappresentati , prende le distanze da tutti quei comportamenti lontani dai suoi tradizionali valori di sacrificio e dedizione alle Istituzioni”.

“Coglie l’occasione per sottolineare con forza che la Marina Militare è quella fatta di uomini e donne che, in silenzio, si sacrificano quotidianamente in mare, sulle navi e nei sottomarini, per garantire la sicurezza e gli interessi della Nazione anche in contesti internazionali. La Marina è quella che vede i suoi “marinai” impegnati lontano dalle proprie famiglie in operazioni di pace all’estero o in Patria al servizio dei cittadini. La Marina è la sua Guardia Costiera che garantisce la salvaguardia della vita umana in mare e la sicurezza dei porti e delle coste”.

E ancora: “La Marina è la Forza Armata di Latorre e Girone ancora trattenuti in India per aver fatto il loro dovere contro la pirateria. Questi sacrifici sono vissuti da tutti i marinai d’Italia, forti dei loro valori di servizio alla Nazione”.

“Il Cocer Marina – conclude la nota – rimane in vigile attesa perché l’orgoglio e la dignità del personale della Marina tutta, non possono e non devono essere messi in discussione né da comportamenti riprovevoli , né da benzina sul fuoco irrorata ad arte”.

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.