Difesa: sottoimpiego militari di truppa. Presentata interrogazione alla Camera

militari4Roma, 18 dic – Ha sollevato un vespaio di polemiche la Circolare dello stato Maggiore dell’Esercito dello scorso 3 febbraio sull’impiego del personale volontario in mansioni non operative. In sostanza, considerato che i bilanci della Difesa falcidiati dal governo non permettono più di ricorrere all’outsourcing per l’effettuazione di alcune mansioni non operative (confezionamento viveri, guardiania, manovalanza, pulizia delle aree comuni, ecc), lo Stato maggiore ha pensato di “scaricare” sul personale militare queste incombenze. Per mettere una pezza all’incresciosa situazione i generali hanno pensato di ricorrere al ruolo Truppa solo che, in definitiva, la pezza è risultata peggio del buco. La “truppa” odierna con la sospensione del servizio di leva è formata quasi esclusivamente da professionisti con anni di servizio alle spalle spesso anche veterani di guerra ai quali proprio non và giù di dover imbracciare le scope invece del fucile. A fare da sponta al malcontento dei soldati ci ha pensato l’Italia dei Valori di Di Pietro che tramite un suo parlamentare, l’on. Paladini, ha messo nero su bianco in un’interpellanza parlamentare chiedendo a La Russa “se il Ministro interrogato intenda assumere ogni iniziativa utile a salvaguardare la dignità dei militari di truppa nel rispetto delle mansioni a loro attribuibili

 Interrogazione sul sottoimpiego dei militari

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.