Bomba contro una caserma dell’Esercito a Milano: l’attentatore urlava “via dall’Afghanistan”

caserma-santa-barbaraSta bene il Caporale Guido La Veneziana ferito solo leggermente. Milano, 12 ott – Un’esplosione è avvenuta questa mattina alle 8 davanti alla caserma dell’esercito “Santa Barbara”, la più grande di Milano.

I sanitari del 118, giunti sul luogo, hanno confermato l’esplosione e hanno prestato le prime cure ad un ferito che versa in gravi condizioni. Anche un militare è rimasto ferito nello scoppio ma in modo molto lieve. Fin dalle prime indiscrezioni gli inquirenti hanno ipotizzato un atto terroristico opera di un kamikaze. Ipotesi che ha trovato via via conferme nelle prime ricostruzioni e testimonianze. “Andate via dall’Afghanistan”. E’ questo l’urlo lanciato dall’attentatore pochi istanti prima di farsi esplodere davanti alla caserma “Santa Barbara” di via Perrucchetti a Milano. L’uomo, da quanto è stato ricostruito, si è avvicinato al passo carraio della caserma. Approfittando dell’ingresso di una Punto Fiat nel piazzale, ha oltrepassato la sbarra d’accesso: è stato subito puntato dai militari di guardia che lo hanno bloccato sotto il tiro delle armi di ordinanza. Febbrile lo scambio di battute tra militari e l’attentatore, poi l’urlo “Via dall’Afghanistan” e l’esplosione di un ordigno rudimentale nascosto in una borsa. L’uomo, da una prima identificazione sarebbe di origini libiche, nell’esplosione ha perso la mano ed è rimasto gravemente ferito al volto.

Il Capoprale Guido La Veneziana, di 20 anni, originario di Brindisi, è il militare rimasto leggermente ferito allo zigomo destro nel corso dell’attentato. A renderlo noto e’ stato il colonnello Giuseppe Astini, portavoce del comando militare dell’Esercito della Lombardia. Il giovane, gia’ dall’ambulanza del 118 che lo stava portando in ospedale per farsi medicare, si e’ messo in contatto con i familiari per rassicurarli ed ora e’ a disposizione delle autorita’ per l’inchiesta. Il suo ‘alt’ all’attentatore ha probabilmente evitato che il gesto portasse a conseguenze piu’ gravi. In quel momento infatti, secondo la ricostruzione degli stessi militari, sul piazzale c’erano una decina di soldati che stavano entrando in caserma. La ‘Santa Barbara’ ha attualmente un reparto in missione in Afghanistan ma – hanno precisato i vertici militari – l’attentatore non avrebbe fatto nessun riferimento a questo. L’esplosivo, contenuto pare in una valigetta, e’ stato innescato dall’attentatore quando si e’ visto scoperto riuscendo ad attivarlo solo parazialmente.Aggiungi commento

ALCUNE IMMAGINI

{phocagallery view=category|categoryid=8|limitstart=0|limitcount=3|detail=0|displayname=0|displaydetail=0|imageshadow=shadow1}

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.