Incidente C-130: le esequie delle vittime, tra dolore e domande

funerali-vittime-c130-2Presente il ministro La Russa; colpita da malore una delle vedove (dell’inviata Chiara Carenini) – Firenze, 28 nov – Ora hanno “le ali dell’aquila” Bruno Cavezzana, Gianluca Minichino, Salvatore Bidello, Maurizio Ton e Gianluca Larice, i cinque militari della 46/ma aerobrigata di Pisa morti durante un volo di esercitazione nello schianto del loro C-130J sulla pista della base. Le cinque bare avvolte nel tricolore, schierate davanti all’ altare maggiore del Duomo di Pisa, sono circondate dai fiori e dal dolore dei familiari. In prima fila il ministro della Difesa Ignazio La Russa con il capo di Stato maggiore della Difesa funerali-vittime-c130 Duomo di Pisa – Le esequie delle vittime dell’incidente (foto ANSA) Vincenzo Camporini, quello dell’aeronautica Daniele Tei, quello della marina Paolo La Rosa. La chiesa è piena di soldati, militari di tutte le Forze armate ma soprattutto è piena di gente comune, i pisani che da sempre sentono la 46/ma come parte integrante della città. Il dolore e la commozione sono frenati dal protocollo, ma si trovano nelle frasi commosse scritte da chiunque entri nel chaier de doleance lasciato fuori dalla chiesa: “Quando tornerò a volare vi avrò a fianco” scrive Gianluca; “adesso siete in un cielo di pace”, Elisabetta. Un dolore però tangibile che piega le gambe della giovane moglie di Gianluca Minichino: sviene, la portano fuori in un’ambulanza della croce rossa militare. Non tornerà più in chiesa. E portano fuori anche un piccolo biondo, che è rimasto in braccio alla mamma ma cercava il papà. Con il ministro La Russa ci sono i vertici delle Forze armate, tutti qui perchè ”non vi lasceremo mai soli”. La messa, celebrata dall’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo e dall’Ordinario militare Vincenzo Pelvi, scivola via. Ma è quando il comandante della Brigata Stefano Fort legge la poesia dell’Aviatore che si spezza quel silenzio trattenuto, quel dolore composto e scivolano giù le lacrime: ”Dacci le ali delle aquile…fa nella pace dei nostri voli il volo più ardito”. Finite le esequie, il saluto straziante proprio perchè è l’ultimo. Il picchetto d’onore saluta i cinque feretri, il ministro, i capi di Stato maggiore. La folla esce composta dalla chiesa ma c’è ancora chi si china sull’erba del prato di Piazza dei miracoli e piange: quell’incidente, quello schianto, ancora non ha un perchè. E forse, anche quando il contenuto delle scatole nere del C-130J (forse una delle macchine piu’ all’avanguardia dell’Aeronautica militare) svelerà cos’è successo durante la manovra di touch and go, non ci sarà sollievo per questo disastro. (Ansa)Aggiungi un commento

Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.