Varese: incendi e furti in aziende a chi non pagava il pizzo, la Polizia esegue 13 misure cautelari

Varese, 26 ott – E’ in corso in queste ore un’operazione di polizia giudiziaria in provincia di Varese, dove la Polizia di Stato sta eseguendo 13 misure cautelari nei confronti di altrettante persone indagate per associazione per delinquere, estorsioni, usura, lesioni personali, incendi, fabbricazione detenzione e porto di bottiglie “molotov”, furti in aziende, ricettazione, falsi documentali e spaccio di cocaina.

L’organizzazione criminale, smantellata grazie a un’indagine svolta dagli investigatori del Commissariato di Busto Arsizio e della Squadra Mobile della Questura di Varese e coordinata dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, operava prevalentemente tra basso varesotto, alto milanese e comasco.

Nella circostanza il sodalizio criminale perpetrava furti in aziende e concedeva poi prestiti usurai ai titolari delle stesse arrivando anche ad incendiare le loro attività per sollecitare i pagamenti.

Ulteriori particolari verranno resi noti in una conferenza stampa che si terrà presso il Commissariato P.S. di Busto Arsizio alle ore 11.30 di oggi.

Sommario
Varese: incendi e furti in aziende a chi non pagava il pizzo, la Polizia esegue 13 misure cautelari
Article Name
Varese: incendi e furti in aziende a chi non pagava il pizzo, la Polizia esegue 13 misure cautelari
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo
Flipboard

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.