Novara, poliziotto penitenziario si suicida nel parcheggio del carcere

carcere-novaraRoma, 19 feb – «Ancora una tragedia nei Baschi Azzurri della Penitenziaria, ancora un poliziotto suicida. E’ avvenuto oggi alle 16 nel parcheggio del carcere di Novara. A togliersi la vita è stato un Sovrintendente della Polizia Penitenziaria di 46 anni, sposato e padre di una bambina, che si è sparato un colpo di pistola a bordo della sua auto. Siamo sconvolti e sgomenti», commenta Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

«Una tragedia senza un perchè- aggiunge -, anche se, a quanto pare, ha annunciato pochi istanti prima del gesto la moglie mediante un sms. Noi ci stringiamo con tutto l’affetto e la solidarietà possibili al dolore indescrivibile della moglie, della figlia, dei familiari, degli amici, dei colleghi. Ma una riflessione deve essere fatta sulla piaga dei suicidi tra i poliziotti. 100 casi dal 2000 ad oggi sono una enormità. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: l’istituzione di apposite convenzioni con Centri specializzati di psicologi del lavoro in grado di fornire un buon supporto agli operatori di Polizia – garantendo la massima privacy a coloro i quali intendono avvalersene – può essere un’occasione per aumentare l’autostima e la consapevolezza di possedere risorse e capacità spendibili in una professione davvero dura e difficile, all’interno di un ambiente particolare quale è il carcere, non disgiunti anche dai necessari interventi istituzionali intesi a privilegiare maggiormente l’aspetto umano ed il rispetto della persona nei rapporti gerarchici e funzionali che caratterizzano la Polizia penitenziaria. Su queste tragedie non possono e non devono esserci colpevoli superficialità o disattenzioni!».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.