Emergenza carceri: martedì a Roma sit-in di protesta del SAPPE davanti al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

polizia-penitenziaria298Roma, 14 ott – “In pochi giorni nelle carceri italiane si sono registrati episodi semplicemente inquietanti. Parliamo di due detenuti morti suicidi a Pistoia e Ravenna, di due evasioni a Saliceta San Giuliano e a Padova, di numerosi tentativi di suicidio di detenuti sventati con prontezza e professionalità dagli Agenti di Polizia Penitenziaria a Cuneo, Vicenza, Reggio Calabria. Eppure, nonostante questo, nonostante i quotidiani sforzi e sacrifici delle donne e degli uomini della Polizia penitenziaria – sotto organico di 6mila e 500 unità – nel mantenere ordine e sicurezza nelle oltre 200 carceri italiane in cui sono ammassate 68.536 detenuti (più di 30mila dei quali imputati), nonostante le 250 aggressioni a nostri Agenti peraltro costretti obbligatoriamente a numerose ore di lavoro straordinario non pagato o a servizi di missione per trasportare detenuti in tutta Italia anch’essi non pagati, nessuno fa nulla. L’immobilismo asfissiante e l’apatia dei vertici del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e del mondo della politica ai problemi quotidiani dei Baschi Azzurri è sconcertante. Per questo martedì 19 ottobre, dalle ore 9, centinaia di aderenti al primo Sindacato della Polizia Penitenziaria, il SAPPE, manifesteranno a Roma davanti alla sede del Dap.”

E’ quanto preannuncia Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, la prima e più rappresentativa organizzazione di Categoria.

Capece sottolinea che “i poliziotti penitenziari del SAPPE sono stanchi: stanchi di essere stati e di essere presi in giro sulle più volte annunciate 2mila assunzioni di nuovi Agenti dei quali non si ha alcuna traccia; stanchi dall’assenza di provvedimenti concreti del mondo della politica nonostante il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri sullo stato di emergenza conseguente all’eccessivo affollamento degli istituti penitenziari presenti sul territorio nazionale sia del 13 gennaio scorso; stanchi di non essere pagati per lavoro straordinario e servizi di missione obbligati ad assicurare; stanchi di non avere neppure vestiario e automezzi adeguati ai delicati compiti istituzionali. Per questo saremo in piazza a Roma martedì 19 ottobre, dalle ore 9, davanti alla sede del Dap. Avviso ai politici che vorranno presenziare. Sono benvenuti tutti coloro che si impegneranno concretamente per risolvere le criticità e le problematiche della Polizia Penitenziaria e del sistema carcere: i perditempo, girino alla larga!”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.