Carceri: a Roma si suicida un poliziotto penitenziario

polizia-penitenziaria2Era in servizio alla Giustizia Minorile. Roma, 19 giu – “Un agente scelto della polizia penitenziaria si è suicidato, nel primo pomeriggio odierno, lanciandosi dal quinto piano dell’abitazione in cui viveva con la madre a Roma. L’uomo R.N. 32enne, che si è lasciato cadere dal balcone, era effettivo presso il Dipartimento della Giustizia Minorile dove svolgeva servizio di autista ed era impiegato anche in compiti di tutela dell’attuale Capo del DGM”.

Ne da notizia Eugenio SARNO, Segretario Generale della UILPA Penitenziari

“Purtroppo siamo costretti, ancora una volta, a diffondere queste tragiche notizie. Siamo costernati ed affranti – dichiara SARNO – per questa ennesima tragedia che vede un basco azzurro decidere di suicidarsi ( 5 sono i poliziotti penitenziari suicidatisi nel 2013). Esprimiamo i nostri sentimenti di vivo cordoglio alla famiglia, ai colleghi e agli amici di R.N. auspicando che nessuno intenda strumentalizzare questo triste episodio legandolo alle condizioni di lavoro della polizia penitenziaria. E’ pur vero che le autosoppresioni di poliziotti penitenziari sono in numero maggiore rispetto alle medie (negli ultimi dieci anno sono 109 i suicidi) ma non sempre – conclude il Segretario Generale della UILPA Penitenziari – è possibile determinare un nesso di casualità diretta con le condizioni lavorative. In ogni caso siamo pronti a rispondere ad ogni utile iniziativa che le Amministrazioni (DAP e DGM) o lo stesso Ministro Cancellieri volessero programmare per approfondire questo trsite fenomeno dei suicidi di poliziotti penitenziari”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.