Sicurezza, SIULP: bene Governo su assunzioni straordinarie

forze-dellordine1Roma, 26 mag – «Lo chiedevamo da tempo, lo abbiamo ribadito ancora con più forza dopo l’annuncio del Santo Padre di un Giubileo straordinario, poiché si rendeva ancora più urgente è necessaria un’assunzione straordinaria per fronteggiare un evento così straordinario ma impegnativo per la sicurezza, ieri sera l’annuncio del Presidente Renzi è arrivato puntuale a rassicurare i poliziotti e i tanti giovani che attendono di poter indossare la nostra uniforme».

Lo afferma Felice Romano, Segretario Generale del SIULP in una nota che commenta la dichiarazione del Presidente Renzi relativo ad un’assunzione straordinaria di 2.500 nuovi agenti, carabinieri e finanzieri.

«Le 2.500 assunzioni straordinarie, continua il leader del Siulp, oltre a rappresentare l’ennesimo segnale di attenzione del Governo verso gli operatori del comparto, è anche una risposta a garanzia della sicurezza dei cittadini considerato che esse serviranno per affrontare i grandi eventi immediati e si aggiungono alla normale pianificazione dei concorsi che, peraltro, dal primo gennaio 2016 prevede che solo il 50% dei posti sia riservato ai giovani provenienti dai militari mentre restanti saranno disponibili per tutti i giovani che hanno i requisiti per poter partecipare».

«Mi auguro – conclude Romano – che ora i 2.500 nuovi assunti provengano prima dai giovani VFP4, che attendono ormai da anni di coronare il sogno, poi dagli idonei non ammessi e, qualora questi non siano sufficienti a coprire l’aliquota nel suo complesso, con un nuovo concorso».

Anche i Vigili del Fuoco adesso lanciano un appello a Renzi per assunzione straordinaria di personale del Corpo.

«Serve un provvedimento di assunzione straordinaria anche per i vigili del fuoco, per rimediare ai problemi di carenza di organico e di aumento dell’età media degli operatori, quale conseguenza di troppi anni di blocco del turn-over. Non possiamo arrivare impreparati al Giubileo ed il governo non dimentichi il ruolo strategico che i vigili del fuoco hanno nella “difesa civile” anche contro la minaccia terroristica. Il governo prenda atto che il primo maggio a Milano con le devastazioni e gli incendi dei black bloc se non ci fossero stati i vigili del fuoco ci sarebbero state conseguenze ben peggiori. Il premier Renzi ed il ministro Alfano non si dimentichino dei vigili del fuoco, il Conapo il 28 maggio scende in piazza per sensibilizzare il governo anche su questo importante problema».

E’ quanto afferma Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo, il sindacato autonomo dei vigili del fuoco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.