Sicurezza, pensioni: manifestazione di protesta il 20. I sindacati ai militari: unitevi a noi

polizia-di-quartiereRoma, 13 mar – “Martedì 20 marzo avranno inizio le azioni di protesta con dei presidi davanti alle Prefetture e alle Questure per l’inganno del Governo sul trattamento che intende riservare alle pensioni delle donne e degli uomini delle Forze di Polizia e delle Forze Armate”.

Lo riferiscono in una nota i sindacati di polizia Siap, Silp-Cgil, Coisp e ANFP.

“Al Governo, che aveva promesso di tutelare la specificità degli operatori del Comparto – prosegue la nota -, manca qualsiasi consapevolezza di quanto sia diverso e specifico il lavoro delle forze dell’ordine. Elevare l’età media degli operatori di Polizia significa creare indubbie ripercussioni sull’operatività del servizio, il tutto in danno della sicurezza dei cittadini”.

“L’attività degli operatori di Polizia, gravata da costanti sacrifici tesi a garantire l’efficacia dei servizi di sicurezza ed il mantenimento dell’ordine pubblico, richiede un’alta professionalità e competenze specifiche che mal si conciliano con le misure previdenziali che il Governo intende adottare. Se l’esecutivo continuerà a far finta di non capire, le azioni di protesta sul territorio si moltiplicheranno fino ad estendersi anche ad una serie di manifestazioni a livello nazionale”.

I sindacati di polizia infine rivolgono un appello ai militari chiedendo “ai Cocer del Comparto Sicurezza e Difesa affinché si uniscano a noi nella protesta sui temi che riguardano le pensioni, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su una materia che riguarda non solo la categoria ma, anche, i cittadini e la loro sicurezza”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.