Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia rintraccia in Europa 3 latitanti

Sala-Operativa-InternazionaleRoma, 27 ago – Negli ultimi giorni, l’impegno degli investigatori del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale, sotto il coordinamento costante della Sala Operativa Internazionale, composta da operatori di tutte le Forze di Polizia, ha permesso il rintraccio e la cattura di altri 3 latitanti, tutti accusati di omicidio.

Lucian Valcelian, 29enne romeno era evaso il 15 agosto scorso da una struttura sanitaria di Castiglione Stiviere (MN), è stato rintracciato nella giornata del 24 agostoscorso in Romania.

In Svizzera a Chiasso le autorità di Polizia elvetiche, con l’ausilio delle investigazioni italiane, hanno tratto in arresto il cittadino nigeriano Ebuh Clement, 23enne, destinatario del Mandato di Arresto Europeo emesso dal Tribunale di Crotone.

Qualche giorno prima in Belgio è stato arrestato il ricercato albanese Sejdiraj Erjon, alias “lacrima” 37enne, latitante dal 2003, colpito anch’egli da Mandato di Arresto Europeo emesso dalla Procura della Repubblica di Piacenza, condannato all’ergastolo per sequestro di persona, omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

Il continuo scambio informativo tra il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia e gli inquirenti delle Polizie di quei Paesi ha permesso l’approfondimento delle risultanze investigative raccolte consentendo la cattura dei citati latitanti, e di concerto con le Autorità Giudiziarie nazionali sono state avviate le pratiche estradizionali di ognuno.

Sono oltre 350, infatti, i latitanti rintracciati all’estero dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) dall’inizio dell’anno e tra di loro i nomi più eclatanti sono sicuramente Pasquale Scotti, “Pasqualino O’ Collier”, rintracciato in Brasile dopo 31 anni di latitanza, e Molina Vega Marlon Sebastián, alias “Mil Caras = Mille Volti”, rintracciato in Colombia, il quale deve il soprannome ai suoi continui cambiamenti di aspetto, che per quasi 10 anni gli hanno permesso di eludere i controlli e le ricerche delle Polizie di tutto il mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.