Roma: trattamenti “personalizzati” in un centro benessere, ma era una copertura per attività di prostituzione

massaggi-cinesiArrestata una donna per sfruttamento della prostituzione. Roma, 28 giu – Gli agenti della Polizia di Stato hanno chiuso un “finto” centro benessere al quartiere Salario di Roma.

I poliziotti sono intervenuti in seguito alle frequenti segnalazioni dei cittadini della zona, esasperati dall’andirivieni di clienti. Vista l’eloquenza dei messaggi pubblicitari trovati sui siti internet, che facevano riferimento a “trattamenti personalizzati”, gli agenti del commissariato Viminale hanno avviato le indagini.

I poliziotti, dopo aver atteso l’uscita dallo stabile di alcuni clienti, li hanno fermati e ascoltati sull’attività realmente praticata dal “sedicente” centro estetico. Ottenuta la conferma dei sospetti, gli investigatori hanno deciso per un controllo più approfondito; il centro estetico era in realtà una copertura per un’attività di prostituzione.

Dopo aver verificato il reale utilizzo dei locali e la posizione delle varie ragazze presenti, 5 cittadine cinesi, gli agenti hanno individuato la responsabile che gestiva l’attività. La donna, 49enne, dopo essere stata accompagnata negli uffici di Polizia, è stata arrestata per sfruttamento della prostituzione, mentre i locali sono stati sequestrati. (AdnKronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.