Poliziotti picchiati: 2.079 casi in un anno

carabiniere-feritoRoma, 13 feb – Insultati e picchiati. E’ la sorte che ogni anno tocca, nell’esercizio del loro lavoro, ad un numero crescente di appartenenti alle forze dell’ordine: nel corso del 2010, gli episodi di violenza registrati ai danni di uomini e donne in divisa sono stati ben 2.079, una media di 173 al mese e poco meno di 6 al giorno, complessivamente l’1,3% in più dell’anno precedente.

Ad aggiornare il singolare bilancio è lo speciale Osservatorio “Sbirri Pikkiati” dell’Asaps, l’Associazione amici sostenitori polizia stradale.

Dei 2.079 casi monitorati l’anno passato, il 39,3% si è verificato al sud, il 35% al nord e il 25,6% al centro; a finirne vittime per lo più carabinieri (50,3%), poliziotti (37,4%) e vigili urbani (10,8%). Nel 30% degli episodi, l’aggressore era ubriaco o sotto l’effetto di droghe.

“E’, questo – spiegano i responsabili – uno degli osservatori più collaudati dell’Asaps e anche uno dei più delicati: perchè in questo contesto noi teniamo un conto impopolare, quello delle botte e della violenza che, quotidianamente, rimediamo sulle strade del paese.

A difendere la legalità ci sono poliziotti, carabinieri, finanzieri, agenti delle polizie locali. La loro età media invecchia, il loro numero diminuisce e, con esso, la propria capacità operativa. Spesso perdono anche il rispetto della gente e il “timore reverenziale” che, in qualche modo, poteva rappresentare uno scudo protettivo”. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.