Lotta al terrorismo e al crimine organizzato: l’Italia alla conferenza dell’Oipc – Interpol

Riunione_InterpolRoma, 17 mag – Si svolge in questi giorni in Austria, a St. Johann Im Pongau, località salisburghese, una delle più importanti riunioni operative dell’OIPC – Interpol.

Il meeting è incentrato sul rafforzamento delle capacità di coordinamento dell’Organismo Interpol, attraverso l’implementazione dei flussi informativi tra i vari stati membri con lo scopo di raggiungere un più fluido e sicuro scambio di notizie per agevolare le “law enforcement” di ogni paese nella lotta al crimine organizzato e al terrorismo internazionale.

«La condivisione delle best practices e una maggiore interazione tra tutti gli organismi preposti alla prevenzione e contrasto dei fenomeni criminali – spiega la Polizia di Stato -, con la cooperazione delle altre agenzie, come Europol e quelle interne dei paesi coinvolti, e infine il massiccio ricorso a “task force” operative su indagini o argomenti di comune interesse, sono le azioni strategiche intraprese da tempo dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza».

Hanno fatto parte della rappresentanza italiana, delegata dal Capo della Polizia Prefetto Franco Garbrielli, il Prefetto Filippo Dispenza, Direttore Centrale della Direzione Centrale Affari Generali, già membro del Comitato Esecutivo del Segretariato Generale Interpol per l’Europa, ed il Direttore dello SCIP –Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Dirigente Superiore della Polizia di Stato dr. Gennaro Capoluongo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.