Facebook, movimento poliziotti chiede a Napolitano di esporre tricolore su auto di servizio

facebookRoma, 9 mar – Frutto della pagina di Facebook “Movimento Poliziotti“, che promuove il dialogo tra cittadini e operatori del Comparto Sicurezza, è una petizione rivolta al Presidente della Repubblica Napolitano, per consentire agli uomini e alle donne in servizio di esporre sugli automezzi di servizio un piccolo tricolore.

La petizione chiede la deroga, per la ricorrenza del 17 Marzo, delle norme che regolano l’esposizione del tricolore e che non consentirebbero, sugli automezzi di servizio, nessuna aggiunta.

“Il valore di questa richiesta va oltre il simbolico” – dichiara il “Movimento poliziotti” -, “per chi l’ha lanciata rappresenta una possibilità di testimoniare la solidarietà ed il rispetto che in uno Stato democratico unisce cittadini e operatori della sicurezza”.

Lanciata di comune iniziativa da poliziotti e cittadini che si incontrano sulla pagina facebook, la petizione è stata pubblicata in rete e inviata alle testate giornalistiche.

La lettera inviata al presidente Napolitano

Egregio Presidente

Attendiamo con emozione la data del 17 marzo prossimo come occasione offerta ai cittadini per celebrare il Centocinquantesimo Anniversario dell’Unità d’Italia, vedendo nella ricorrenza da Lei istituita, l’opportunità per riunire idealmente gli italiani di oggi, ovunque essi si trovino, indipendentemente dalle loro idee politiche e dalle loro condizioni sociali.
Ci prepariamo quindi a partecipare chi con la presenza fisica e chi con il cuore, alle manifestazioni celebrative e ad esporre dalle nostre case e ovunque sia visibile, la Bandiera tricolore che rappresenta noi tutti, e nella quale ritroviamo la nostra storia e quella di chi ci ha fatto dono della libertà. Esponendo il tricolore esterneremo il nostro amore e la gratitudine per chi ha dato e continua a dare la vita per questo Paese.
Nei giorni scorsi si è diffusa la notizia che tra i membri di diverse Forze di Polizia sta crescendo il desiderio di poter esporre sugli automezzi di servizio una piccola bandiera o un nastrino tricolore in occasione della ricorrenza del 17 Marzo. Gli operatori del Comparto Sicurezza sarebbero disposti a provvedere a proprie spese, anche individualmente, all’acquisto di bandierine e/o nastrini tricolori lasciando a ciascuno la facoltà di aderire all’iniziativa o meno….continua

L’iniziativa incontra però un limite nel disposto del DPR 07.04.2000 n. 121 e nella L. 22/98, perché, sebbene l’art. 11 del D.P.R.121/2000 e l’art. 2. comma 3 della L. 22/98 demandino l’attuazione per casi particolari ad emanandi regolamenti, questi non sono mai stati emanati. Ne consegue che gli operatori delle Forze di Polizia che esponessero senza autorizzazione il tricolore potrebbero essere addirittura esposti a procedimenti disciplinari.
Proprio gli uomini e le donne che hanno giurato fedeltà alla Bandiera e che tengono fede ogni giorno a tale giuramento con il loro lavoro, si vedrebbero precludere la facoltà concessa ad ogni altro cittadino italiano, ovvero quella di essere accompagnati, nell’esercizio delle loro funzioni e nel giorno in cui tutti si dovrebbero sentire figli della stessa Patria, dal simbolo che la rappresenta.
Rispetto ai molti problemi che in questo momento turbano l’Italia questa situazione potrebbe sembrare, agli occhi di molti, una cosa troppo piccola per essere considerata; ma il fatto che proprio a questi cittadini, che rappresentano e difendono la nostra Repubblica, possa essere negata la possibilità di esporre il tricolore, ci offende Signor Presidente. Il tricolore avvolge le bare dei caduti in servizio, Signor Presidente, e noi riteniamo giusto che sia esposto su tutti i mezzi di servizio il 17 marzo prossimo anche per portar loro rispetto.
Chiediamo quindi Signor Presidente, che vengano derogate anche solo limitatamente alla giornata del 17 Marzo, le regole vigenti in materia di utilizzazione del Tricolore e che vengano date disposizioni a tutte le Forze di Polizia sulle modalità facoltative, di esposizione del vessillo e sulle sue dimensioni, nel rispetto del decoro e della funzionalità degli automezzi.
Confidiamo che Lei, signor Presidente, vorrà dare alla nostra richiesta l’attenzione ed il rilievo che riteniamo essa meriti, concedendo ai nostri concittadini in divisa la soddisfazione di portare con sé la nostra Bandiera in una giornata così importante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.