COISP, L’Aquila: Bene stanziamento fondi per Questura, ma quando inizio lavori?

l-aquila_poliziaL’Aquila, 23 ott – Il COISP – Sindacato Indipendente di Polizia – apprende con piacere la notizia che sono stati stanziati 4 milioni di euro per i lavori della “Questura” anche se la soddisfazione per la bella notizia non ci impedisce di rimanere critici su tutta la vicenda.
I timori del COISP derivano anche dalle parole del Capo della Polizia – Prefetto Manganelli –  che oggi ha incontrato il personale di Polizia dell’Aquila    presso l’Auditorium della CARISPAQ. Il Capo della Polizia ha avuto parole di conforto nei confronti degli uomini e donne della Polizia di Stato, si è detto consapevole delle difficoltà che il personale trova nel proseguire una serena vita sociale quando improvvisamente vengono a mancare tutti i punti di riferimento e che con il passare del tempo lo sconforto e la rassegnazione prende il sopravvento sullo spirito di abnegazione ed altruismo che contraddistingue gli operatori di Polizia nell’aiutare gli altri. Nè ci conforta apprendere che l’eventuale trasferimento degli uffici della Questura e Polizia Stradale presso la scuola della Guardia di Finanza è prevista per febbraio-marzo, confermando indirettamente quanto sostenuto da tempo dal COISP che i poliziotti e le poliziotte aquilane passeranno l’inverno nei container.
Il COISP non condivide neanche l’affermazione che non vi siamo strutture adatte ad ospitare la Polizia, forse non si sono cercate oppure siamo arrivati in ritardo, tanto che altri uffici pubblici li hanno occupati prima. A dimostrazione di ciò vi è il fatto che non risultano manifestazioni di interesse, da parte della Questura o dei soggetti preposti a ciò, a reperire sul mercato spazi adeguati per gli uffici di Polizia.        
Ritornando ai fondi stanziati (4 milioni di euro) per rendere agibile la Questura, il COISP rimane in attesa dell’inizio dei lavori (che dovevano iniziare tra il 15 ed il 20 di ottobre) e di conoscere la ditta che eseguirà i lavori nonchè dei tempi di riconsegna dell’immobile, auspicando che nel contratto, come previsto nei lavori del progetto C.A.S.E., siano state previste delle “salate” penali per ogni giorno di ritardo nella consegna dei lavori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.