Camorra: SIULP plauso ai poliziotti di Caserta e al Prefetto Pansa

Antonio-SchiavoneRoma, 25 ott – «Nonostante le gravi difficoltà dovute ai pesanti tagli operati sulla sicurezza, che hanno generato scarsità di mezzi, strumenti e anche di personale, l’eccellenza e la qualità degli investigatori della Squadra Mobile di Caserta e di tutti i colleghi di questa Questura di trincea nella lotta contro l’aggressione della criminalità organizzata, si è manifestata ancora una volta con l’eccellente operazione che ha portato all’arresto di Antonio Schiavone, reggente del feroce clan dei Casalesi».

«L’intraprendenza, lo spirito di abnegazione e il non voler mollare mai, parole d’ordine che guidano l’operato del Capo della mobile di Caserta e dei suoi uomini come un faro, insieme all’eccellente e prezioso supporto del Servizio Centrale Operativo hanno consentito di assestare quello che si potrebbe definire un colpo mortale al clan dei Casalesi».

Lo afferma Felice Romano, Segretario Generale del SIULP che, nell’esprimere «plauso ai colleghi della Questura di Caserta e al Prefetto Pansaper le scelte operate ai vertici del Servizio Centrale Operativo, sottolinea come sia ora necessario un riconoscimento concreto a queste donne e a questi uomini della Questura di Caserta che senza sosta e senza timore continuano a smantellare l’antistato in una terra, non solo martoriata ma che reclama anche una presenza dello Stato che non si limiti alle sole forze di polizia e alla magistratura».

«Sono certo, conclude Romano, che il Prefetto Pansa, come testimonia la sua storia, saprà valorizzare al meglio questo brillante risultato, dando ai protagonisti di questa ennesima vittoria contro la camorra il meritato e giusto riconoscimento che, siamo certi, non si limiterà alla pacca sulla spalla».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.