Camorra, SIULP: malgrado tutti gli ostacoli del Governo, catturato numero due Clan Casalesi

Mario-CaterinoRoma, 2 mag – «Nonostante la totale mancanza di risorse, i continui tagli operati dall’azione di Governo e per ultimo l’ennesimo carico di lavoro scaricato sui poliziotti di Caserta, che vengono ricordati solo per fregiarsi del “modello Caserta” o dei duri colpi inferti alla camorra, anche oggi i poliziotti casertani hanno inferto un ulteriore e mortale colpo al Clan dei Casalesi».

Ad affermarlo Felice Romano – Segretario Generale del SIULP – che nell’esprimere apprezzamento e ringraziamento all’abnegazione dei colleghi della Questura di Caserta, ricorda come «questi operatori, completamente abbandonati nei fatti dall’azione di Governo, per gravissime carenze di risorse, uomini e mezzi, anche oggi hanno dato dimostrazione con l’arresto di Mario Caterino, braccio destro di Francesco Schiavone, detto Sandokan, che la loro opera non si può fermare come potrebbe accadere con il nuovo, gravoso e impossibile carico di lavoro scaturito dopo la decisione inaspettata e incongrua del Governo di istituire a Santa Maria Capua Vetere un CIE».

«Non si può, continua Romano, senza dare alcuna risorsa umana in più gravare i poliziotti di Caserta di un lavoro abnorme come quello della vigilanza ad un CIE, peraltro istituito in una struttura assolutamente inadatta per mancanza di requisiti relativi alla sicurezza e alla salubrità degli ambienti, pensare che questi poliziotti possano continuare a produrre risultati così importanti e necessari nella lotta alla camorra».

«Ecco perché, conclude Romano, ci aspettiamo che questa volta oltre al plauso e ai ringraziamenti di facciata arrivi dal Governo un segnale chiaro e incoraggiante per questi uomini e queste donne attraverso l’assegnazione di nuove risorse umane e, soprattutto, maggiori risorse finanziarie e mezzi adeguati per continuare quella che è ormai una vera e propria guerra che si può vincere. Non operare in tal senso significa “gettare la spugna” e scoraggiare questi poliziotti nel perseverare nel loro sacrificio». 

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.