Arrestati favoreggiatori del boss Raccuglia: ora serve l’intervento della società civile e dello Stato per vincere la guerra

boss-raccuglia-arrestoRoma, 18 mag – Ennesimo risultato positivo della Squadra Mobile di Palermo, coordinata dal Servizio Centrale Operativo, che questa mattina, tra Palermo e Trapani, ha eseguito 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di fiancheggiatori del boss Domenico Raccuglia. “Con questo ulteriore duro colpo inferto all’ala dei corleonesi, – afferma Felice Romano – Segretario Generale del SIULP, si conferma che l’impegno profuso dalla Squadra Mobile di Palermo e dallo SCO, continua ad essere pressante e puntuale nei confronti della mafia, malgrado le carenze di mezzi e di risorse messe a disposizione”. “Il SIULP – continua Felice Romano – ribadisce che ci sono tutte le capacità investigative per dare l’affondo finale nella lotta contro la mafia; occorrono però le necessarie risorse finanziarie, che il Governo, a questo punto, ha il dovere di reperire”. “A fianco a questo impegno – prosegue Romano – bisogna dare sostegno all’iniziativa che, proprio oggi a Palermo, SIULP e CISL stanno presentando per un pieno coinvolgimento delle forze sindacali e della società civile, affinché la riassegnazione dei beni confiscati alla mafia e a tutte le organizzazioni criminali, e il loro pieno utilizzo da parte delle associazioni della società civile, diventi un punto di partenza per simboleggiare un’azione corale di tutto il Paese, e quindi dello Stato, contro la cultura mafiosa e dell’anti-Stato che la mafia vuole affermare”.
“Assegnare questi beni per costruire percorsi di formazione al lavoro e di affermazione alla cultura della legalità, è l’altro pilastro essenziale affinché, unendo alla “bonifica” del territorio da parte delle Forze di Polizia e della magistratura, la riappropriazione dello stesso da parte della società civile di questo Paese, si possa definitivamente sconfiggere la mafia e vincere la guerra”. “Per ultimo – conclude Romano – grande soddisfazione per l’ennesimo, eccellente risultato della Squadra Mobile palermitana, che, nonostante le difficoltà di mezzi e risorse appropriate, conferma l’alta professionalità della Polizia di Stato e dei colleghi che si sono distinti in questa brillante azione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.