Vercelli: scaraventa a terra un anziano a scopo di rapina ma un finanziere libero dal servizio lo arresta

scippo-borsaVercelli, 5 lug – Nel pomeriggio di sabato 1 luglio, la Sala Operativa della Polizia di Stato inviava gli agenti della Volante in Via Cesati per la segnalazione di un giovane, successivamente fermato da un militare della Guardia di Finanza libero dal servizio, che aveva strattonato e buttato a terra un anziano (vercellese classe 1932) rubandogli il borsello che portava a tracolla.

Il Maresciallo delle Fiamme Gialle, che da anni lavora a Vercelli, ha assistito alla rapina ed è intervenuto fermando, dopo un prolungato inseguimento a piedi, il giovane resosi responsabile dell’aggressione.

Nello specifico, mentre il militare si accingeva a raggiungere la propria autovettura, in sosta nel parcheggio antistante il supermercato COOP di Largo Chatillon, per depositare la spesa, notava un ragazzo alto circa m.1.80 avvicinarsi ad un anziano, intento ad aprire la portiera della propria autovettura assieme alla moglie, prendendolo alle spalle e scaraventandolo a terra.

Il giovane asportava con violenza il borsello dell’anziano che, nel contempo, tentava di contrastare l’azione del rapinatore, cercando di trattenere il borsello di sua proprietà, chiedendo più volte aiuto mentre veniva trascinato con forza dal delinquente, che si dava poi alla fuga in direzione di Viale Volta.

Il Maresciallo della Guardia di Finanza, visto quanto era accaduto, si metteva immediatamente all’inseguimento del responsabile (che, braccato si liberava della refurtiva) e, senza perderlo mai di vista, lo raggiungeva dopo una decina di minuti di inseguimento a piedi in Via Cesati, fermandolo. Contemporaneamente sopraggiungeva la pattuglia della Squadra Volante, allertata del fatto dai passanti invitati dal Finanziere a chiamare le Forze dell’Ordine, che procedeva alla ulteriore messa in sicurezza del giovane arrestato ed all’accompagnamento dello stesso presso gli uffici della Questura di Vercelli.

Il Finanziere, invece, tornava sul luogo ove era stata perpetrata la rapina per sincerarsi delle condizioni dell’anziano che, nel frattempo, era stato già soccorso da personale sanitario giunto sul posto, restituendogli il borsello rubato, recuperato nel frattempo.

Il giovane responsabile del reato di rapina aggravata veniva successivamente identificato per V. D., classe 1996, nato e residente fuori provincia, con diversi precedenti di polizia: dopo le formalità di rito è stato associato alla casa circondariale Billieme ed il suo arresto è stato convalidato nel pomeriggio del 4 luglio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.