Ragusa: Guardia di Finanza sequestra un pericoloso deposito di GPL

bombole-sequestrateRoma, 2 mag – La Guardia di Finanza di Pozzallo ha scoperto due depositi contenenti complessivamente 3.157 bombole di gpl, pronte ad essere vendute, probabilmente sottocosto, in spregio ad ogni minimale standard di sicurezza (VideoRosso Video).

I depositi sequestrati sono apparsi da subito come vere e proprie bombe ad orologeria, anche se in realtà si presentavano come vecchi scantinati in disuso, appartenevano ad un imprenditore locale che per il fisco aveva cessato la propria attività da anni. Tuttavia, lo stesso, senza scrupoli, aveva continuato ad esercitare la propria attività, mettendo a repentaglio anche l’incolumità del vicinato. Infatti, ovviamente, il tutto avveniva in depositi privi di qualsivoglia sistema antincendio, in assenza delle prescritte autorizzazioni di polizia, e non rispettando quindi gli standard di sicurezza necessari, soprattutto quando si ha a che fare con materiali infiammabili ed esplodenti, pertanto inidonei a garantire un’adeguata custodia del pericoloso materiale.

Le bombole, del valore commerciale stimato in centinaia di migliaia di euro, sono state concentrate presso un deposito autorizzato di Ragusa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nel contesto sarà analizzata anche fiscalmente la posizione dell’imprenditore ispicese. Il titolare dell’attività è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Modica per violazioni al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e per omessa denuncia di materie esplodenti. Le bombole appartengono ad un’altra azienda specializzata nel settore che si è riservata ulteriori attività legali future. Nello specifico settore sono in corso mirate attività tese a tutelare gli imprenditori onesti e l’incolumità dei cittadini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.