Immigrazione clandestina: controlli congiunti di GdF e Polizia municipale

immigrazione1Ragusa, 15 mar – Guardia di Finanza e Polizia Municipale di Ragusa, su indicazione del Prefetto di Ragusa, nelle ultime settimane hanno passato al setaccio il centro storico di Ragusa superiore
. Tale attività si è resa necessaria al fine di rafforzare l’azione di contrasto al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, specialmente in quei contesti ove possono sussistere situazioni di particolare criticità socio – ambientale determinate da insediamenti abitativi di lavoratori stranieri, che talvolta versano in situazioni di degrado. Altro obiettivo è quello di reprimere eventuali reati connessi al favoreggiamento o sfruttamento della prostituzione. In base alle nuove disposizioni contenute nel Testo Unico che disciplina la materia dell’immigrazione, chiunque dà alloggio o cede, anche in locazione, un immobile ad uno straniero privo del permesso di soggiorno al momento della stipula, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni; tale condanna, inoltre, comporta la confisca dell’immobile. Sanzioni severe sono previste dal codice penale, con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 258 a euro 10.329, anche per chi, avendo la proprietà o l’amministrazione di una casa, li conceda in locazione a scopo di esercizio di una casa di prostituzione. Durante i controlli citati, sono stati identificati più di 20 extracomunitari, prevalentemente dei paesi del nord-Africa; controllate anche decine di abitazioni.
Dagli accertamenti finora effettuati non si sono registrate condizioni di particolare criticità, anche se la situazione resta costantemente monitorata dall’opera congiunta delle forze dell’ordine. Inoltre, a finire sotto la lente d’ingrandimento della Guardia di Finanza, è stato il fenomeno degli affitti in nero, almeno una decina di casi, per lo più derivati da locazioni stagionali o per brevi periodi, nei confronti soprattutto di extracomunitari, che sono risultati comunque in regola con il permesso di soggiorno.  Gli accertamenti continueranno anche per far luce sul ruolo di alcune agenzie immobiliari, molto attive nel prestare la loro intermediazione nei confronti di extracomunitari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.