FIRENZE: GUARDIA DI FINANZA SCOPRE 3 FALSI DENTISTI, UN MEDICO ABUSIVO E UN FALSO RAGIONIERE

IN AMBULATORIO CINESE PESSIME CONDIZIONI IGIENICHE. Firenze, 8 lug. – (Adnkronos) – Tre falsi dentisti, un medico abusivo e un falso ragioniere. E’ quanto hanno scoperto i militari della Guardia di Finanza di Firenze, in altrettante operazioni condotte sul territorio. Nei giorni scorsi, a Firenze, e’ stato individuato un vero e proprio ambulatorio medico abusivo. Un cinese svolgeva la professione di medico a tutti gli effetti, con tanto di prescrizioni, visite, diagnosi. Il soggetto aveva creato nel proprio appartamento, sito in via Brozzi, un vero e proprio centro medico, con sala d’attesa e lettini. Al momento dell’intervento delle fiamme gialle, sono stati trovati alcuni bambini cinesi, di 7 mesi e 6 anni di eta’, sottoposti alla somministrazioni di alcune flebo, riportanti scritte cinesi e dal contenuto sconosciuto.

Nella sala d’aspetto erano presenti diverse persone, tutte cinesi, in attesa di essere visitati dallo pseudo-dottore. I militari hanno immediatamente fatto, intervenire alcune unita’ del 118 per permettere il trasporto dei bambini sottoposti alle flebo presso l’ospedale Meyer. La perquisizione dell’ambulatorio, che, per di piu’, e’ risultato presentare pessime condizioni igieniche (agli e contenitori di flebo sparse sul pavimento insieme a bende e cotone usati) ha permesso di scoprire circa 16.300 farmaci di varie tipologie, di cui circa 15.000 di sconosciuta origine cinese. Oltre 312 gli strumenti medici rinvenuti (siringhe, flebo, stetoscopi, misuratori di pressione) unitamente a prontuari e libri per la professione sanitaria (su aspetti dentistici, ginecologici).

Alcuni dei medicinali rinvenuti sono soggetti ad essere venduti solo dietro presentazione di ricetta e somministrati sotto stretto controllo medico. Tutta la merce rinvenuta e’ stata sottoposta a sequestro ed il falso dottore cinese e’ stato denunciato sia per l’abusivo esercizio della professione medica sia per aver importato in Italia medicinali senza le dovute autorizzazioni.

A Barberino del Mugello, gli uomini della dipendente Tenenza di Borgo San Lorenzo (Firenze) hanno, invece, smascherato una falsa dentista. Dopo approfondite indagini investigative, e’ stato accertato che una donna cinquantenne, di origine colombiana ma da diversi anni in Italia, svolgeva da alcuni anni la professione di odontoiatra senza essere in possesso dei necessari requisiti. La donna possedeva una titolo di studio in odontoiatria rilasciato in Colombia. Tuttavia, una volta andati in fumo i suoi tentativi per il riconoscimento del titolo di studio in Italia, la stessa non ha esitato a prendere in affitto uno studio dentistico da un collega italiano ed effettuare tranquillamente la sua professione sanitaria completamente in nero. La donna e’ stata segnalata all’autorita’ giudiziaria per aver svolto abusivamente la professione sanitaria.

Qualche tempo fa, altri due soggetti che svolgevano l’attivita’ di odontoiatri, senza avere i requisiti erano stati individuati dalle fiamme gialle empolesi. Per loro si e’ conclusa la ricostruzione del giro d’affari proveniente dell’attivita’ abusiva. E’ stato accertato che i due odontotecnici empolesi, che lavoravano nello stesso studio professionale, per la sola attivita’ odontoiatrica hanno conseguito compensi aggiuntivi per circa 42.000 euro ed evaso Iva per circa 8.000 euro.

Infine, a Firenze, i finanzieri hanno smscherato un finto ragioniere che, pur senza averne i titoli, si qualificava come ragioniere-commercialista. L’uomo e’ stato scoperto a seguito delle querele di due negozianti. E’ stato accertato che le operazioni effettuate dal falso ragioniere, retribuite con laute parcelle, hanno aggravato il dissesto economico delle aziende portando una di questa al successivo fallimento. Il soggetto e’ stato segnalato all’autorita’ giudiziaria di Firenze per esercizio abusivo di professione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.