Camorra: Guardia di Finanza sequestra beni per 130 milioni ad imprenditore

finanza-auto1Roma, 28 lug – Beni per 130 milioni di euro sono stati sequestrati dai militari della Guardia di Finanza di Mondragone (Caserta) ad un imprenditore ritenuto dagli investigatori affiliato ad un clan camorristico. L’accusa nei confronti dell’imprenditore e’ traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio. Il provvedimento di sequestro preventivo dei beni è stato emesso dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli. Complessivamente i militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato 22 aziende commerciali, 25 terreni e sette fabbricati distribuiti tra Lazio, Campania e Molise. I beni sequestrati questa mattina nel corso di un’operazione coordinata dalla Dda di Napoli ed eseguita con l’impiego di 70 militari e 40 autovetture del comando provinciale della Guardia di Finanza di Caserta e dallo Scico di Roma, erano nella disponibilità di Giovanni Sciacca, di 51 anni, di Mondragone. L’imprenditore è ritenuto legato al clan ”La Torre”, un’organizzazione – smantellata negli anni da arresti di capi e gregari e dal sequestro di beni mobili ed immobili – ritenuta ormai gravitante nell’orbita dei casalesi. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.