GrNet.it - informazione Sicurezza e Difesa

Sab24062017

Ultimo aggiornamento10:42:16

Back SICUREZZA FORZE DELL'ORDINE Polizia di Stato Polizia Stradale, 70esimo anniversario. Gabrielli: «Sempre più presenti sul territorio»

Polizia Stradale, 70esimo anniversario. Gabrielli: «Sempre più presenti sul territorio»

  • PDF
Gabrielli_Festa_StradaleMilano, 20 apr - «La Polizia Stradale ha punteggiato i passaggi più importanti della nostra storia repubblicana». Lo ha detto il Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, prefetto Franco Gabrielli, intervenendo questa mattina al Palazzo Reale di Milano alla cerimonia per il 70esimo anniversario della Polizia Stradale.

«Vorrei sottolineare il mio grazie oggi agli uomini e alle donne della Polizia Stradale che in questi anni hanno mantenuto vivo il senso e l'orgoglio dell'appartenenza e del rispetto a quella uniforme che non è un semplice capo d'abbigliamento: lì c'è la storia, la tradizione, il sacrificio di tantissime persone», ha evidenziato.

Gabrielli ha parlato poi del futuro: un futuro in cui «dobbiamo guardare verso un'amministrazione che sia sempre di più un tutto - ha proseguito -. Ogni tanto leggo sui giornali del decreto del 31 di marzo con il quale sono stati soppressi alcuni presidi delle specialità: non è un arretrare, è semplicemente un razionalizzare; non è un mortificare, è semplicemente rendere ulteriormente un servizio ai cittadini - ha detto -. Io credo che la specialità della Polizia Stradale debba contraddistinguersi, non tanto per avere un presidio fisico sul territorio, ma per essere sul territorio, perché i cittadini vogliono vedere sul territorio le pattuglie».

«Dobbiamo ragionare sempre più sul servizio che dobbiamo dare alla gente: questa è la missione fondamentale e in questo senso la Polizia Stradale ha bisogno di approcciare gli anni che verranno – ha puntualizzato Gabrielli -. E dovremo fare meglio con meno: da qui ai prossimi 12 anni andranno infatti in pensione 40mila persone della Polizia di Stato e il tema del ricambio, il tema di scelte che ho definito scellerate, di aver bloccato il turn-over, ci costringerà ad essere più oculati».

TERRORISMO: CONTROLLO DEL TERRITORIO GIORNO E NOTTE

Franco Gabrielli, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine del convegno, ha affrontato poi il tema della minaccia terroristica.

«Purtroppo la situazione non cambia: già eravamo dentro una minaccia e continuo quasi fino alla noia a sostenere che con questo tipo di pericolo l'atteggiamento corretto non è di vivere in una condizione di paura, ma essere consapevoli della minaccia e pretendere che gli apparati di sicurezza lavorino giorno e notte, come a quelle 3 della mattina a Sesto San Giovanni - ha sottolineato Gabrielli -. Quello è lo schema: controllo del territorio, controllo di tutto quello che avviene per far sì che i cittadini vivano la loro vita».

Perché il terrorismo è «una minaccia liquida, che il ministro dell'Interno ha definito a prevedibilità zero, e che rende sempre più importante il controllo del territorio».



Loading...

News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: