[VIDEO] Immigrazione clandestina e riduzione in schiavitù: i Carabinieri disarticolato sodalizio criminale

Lamezia Terme, 19 dic – Alle prime ore della mattinata odierna, in Lamezia Terme, Rosarno e Livorno, i Carabinieri del Gruppo di Lamezia Terme hanno dato esecuzione ad un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro nei confronti di sette soggetti, di cui un italiano e sei nigeriani, indagati a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, acquisto e alienazione di schiavi, immigrazione clandestina, riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione con l’aggravante della transnazionalità.

Le indagini, iniziate nel gennaio 2017 a seguito della denuncia di una delle vittime, dirette dal Sostituto Procuratore Dott.sa Debora Rizza, dal Procuratore Aggiunto Dott. Giovanni Bombardieri e dal Procuratore Capo Dott. Nicola Gratteri della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, hanno permesso di individuare un sodalizio criminale, operante nel territorio italiano e con ramificazioni in Nigeria e Libia.

Nello specifico, i vertici dell’organizzazione “reclutavano” giovani donne africane adescandole con la promessa di un lavoro in Italia.

Le stesse venivano sottoposte a rituali di magia nera “vodoo/juju”, al fine di vincolarle al pagamento del debito contratto per effettuare il viaggio verso la penisola italiana, ammontante a circa 30.000 euro. Rompere il giuramento, nella loro cultura, avrebbe portato disonore e gravi conseguenze anche nei confronti dei familiari.

Da quel momento iniziava per loro un lungo e terrificante viaggio, durante il quale, attraverso il deserto del Niger, venivano trasferite in Libia, ove attendevano, fra violenze e abusi inauditi, di essere imbarcate per l’Italia.

Nei frequenti casi in cui le donne, durante queste attese, venivano catturate e trattenute presso campi di prigionia, il gruppo criminale, grazie ai suoi ramificati contatti con soggetti chiamati “connection men”, riusciva a corrompere le guardie libiche e, previo pagamento di 5000 dinar, a farle liberare.

Giunte finalmente sulle nostre coste, ad attenderle non vi era, però, la vita promessa.

L’articolo prosegue dopo il video

Rintracciate presso i centri di accoglienza, venivano trasferite in varie località e lì costrette alla prostituzione senza possibilità di ribellione, pena minacce e violenze. L’unica priorità per le loro madam era che pagassero il debito contratto, tanto da costringerle ad abortire in casa e da privarle del cibo e dell’acqua se non avessero guadagnato abbastanza durante il giorno. Parte dei guadagni dell’attività di meretricio, inoltre, venivano investiti in una “contribution”, una cassa comune messa a disposizione delle madam per l’acquisto di nuove donne.

L’attività ha così permesso di identificare i soggetti facenti parte dell’associazione e di disarticolare parte di una complessa organizzazione operativa fra Nigeria, Libia e Italia.

Nello specifico sono stati identificati e tratti in arresto:

  1. AIYAMEKHE Ifueko: madam sul territorio di Lamezia Terme Sant’Eufemia;
  2. OMOREGIE Osagie: compagno di Ifueko, intratteneva i contatti con Nigeria e Libia provvedendo al procacciamento delle donne e all’organizzazione di tutte le fasi della tratta;
  3. JAMES EKUAZE Silvia: madam sul territorio di Lamezia Terme Sant’Eufemia;
  4. ENOMA Joy: madam sul territorio di Amantea (fermata nella città di Livorno);
  5. IDAHOSA Gift: madam sul territorio di Rosarno;
  6. HUMPHREY Angel: madam sul territorio di Lamezia Terme Sambiase;
  7. CRISERÀ Vincenzo: fiancheggiatore.

Nei confronti dei suddetti soggetti è stato eseguito altresì un decreto di sequestro preventivo inerente conti correnti e altre utilità economiche.

Sommario
[VIDEO] Immigrazione clandestina e riduzione in schiavitù: i Carabinieri disarticolato sodalizio criminale
Article Name
[VIDEO] Immigrazione clandestina e riduzione in schiavitù: i Carabinieri disarticolato sodalizio criminale
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

1 Commento

  1. Francostars dice

    A prescindere dai riti woodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali ed ad una certa tarda ora di notte, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.