Ubriaco “per amore” chiede i documenti ai carabinieri: fermato e condannato

carabinieri-manetteBergamo, 26 lug. – “Documenti, prego”: una frase normale se la dicono i carabinieri a un ubriaco, molto meno normale se è l’ubriaco a dirla ai carabinieri. Che poi l’ubriaco in questione stesse cercando di annegare nell’alcol i dolori per l’abbandono della fidanzata è per la legge un dettaglio secondario, tanto che alla fine l’uomo è finito davanti al giudice ed è stato condannato.
Il bello è che i carabinieri non ce l’avevano nemmeno con lui. I militari avevano appena rintracciato a Seriate un’auto che era fuggita dopo avere provocato un incidente e stavano controllando il conducente e la donna che era con lui. In quel momento è arrivato l’operaio 43enne di Zanica, amico dei due pirati della strada. Ubriaco, ha contestato il diritto dei carabinieri a chiedere i documenti. E già che c’era ha pensato bene di chiederli lui a loro. I militari hanno cercato di calmare l’operaio, che però ha reagito, si è divincolato ed è passato agli insulti. Ed è stato così arrestato per resistenza e denunciato per oltraggio. Davanti al giudice ha spiegato di essersi ubriacato perchè era stato lasciato dalla fidanzata e ha chiesto scusa ai carabinieri. Questo non gli ha evitato una condanna a a 9 mesi e 10 giorni: una pena aggravata dal fatto che era recidivo. (AGI)

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.