Salerno: usura ed estorsione, i Carabinieri del ROS arrestano 5 persone, anche un camorrista

Salerno, 27 mar – Nella mattinata odierna a Nocera Inferiore i Carabinieri del R.O.S., in collaborazione con quelli del Comando Provinciale di Salerno, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno dato esecuzione ad una articolata operazione di Polizia Giudiziaria procedendo a notificare un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari nei confronti di 5 soggetti ritenuti responsabili dei reati di estorsione ed usura.

Sono state, altresì, eseguite perquisizioni nonché il sequestro del 25% delle quote societarie della Nocerina Calcestruzzi S.R.L..

I provvedimenti cautelari, emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Salerno, scaturiscono da una complessa attività investigativa coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dal R.O.S. dei Carabinieri.

Le attività costituiscono la naturale prosecuzione di una precedente fase investigativa, convenzionalmente denominata “Un’altra Storia”, culminata:

  • al principio dello scorso dicembre 2016 con l’esecuzione, in Nocera Inferiore, di un provvedimento custodiale nei confronti di 21 soggetti, componenti tre distinti gruppi criminali armati operanti in quel territorio e dediti alla commissione di una pluralità di delitti. Tra questi, il gruppo capeggiato dai fratelli Cuomo, Michele e Luigi;
  • nell’agosto 2017 con l’esecuzione, a Nocera Inferiore, di un provvedimento custodiale nei confronti di 4 soggetti, tra cui un esponente di vertice della camorra di Nocera Inferiore ed un ex consigliere della precedente amministrazione comunale di Nocera Inferiore. Nella circostanza era ricostruito e documentato un grave episodio di scambio di voto politico-mafioso correlato alle recenti elezioni amministrative svoltesi a Nocera Inferiore l’11 giugno 2017.

Le indagini, supportate anche dagli esiti delle perquisizioni eseguite nel maggio 2016 e nel febbraio 2018, le quali avevano permesso di rinvenire e sequestrare – a riscontro delle investigazioni fino a quel momento svolte – importantissima documentazione cartacea costituita da più quaderni e vari appunti manoscritti riportanti nominativi ed indicazioni di cifre al loro fianco (c.d. “libro mastro“), nonché buoni fruttiferi postali, assegni bancari, cambiali per un valore di circa 345.000 euro e denaro contante per un valore di circa 62.000 euro frutto dell’attività illecita, hanno cristallizzato:

  • l’esistenza e l’operatività di un gruppo, su base familiare, il cui capo indiscusso era Macario Mariniello, già affiliato alla “Nuova Camorra Organizzata” ed alla “nuova famiglia”, nonché elemento apicale dell’omonimo sodalizio criminoso di matrice camorristica, il quale, coadiuvato dalla consorte Maria Teresa Pellegrino e dai cognati Maurizio e Gaetano Pellegrino, avvalendosi del metodo camorristico, era dedito al prestito di ingenti somme di denaro con l’applicazione di tassi di interesse ad usura ed in particolare nei confronti di Vincenzo Del Grande;
  • che tale gruppo criminale non esitava ad impiegare metodi violenti per l’esazione dei crediti;
  • l’attività illecita posta in essere dallo stesso Vincenzo Del Grande il quale, asseritamente privo di una propria capacità economica, si avvaleva delle somme ricevute in prestito da soggetti terzi per operare a sua volta, sulla piazza di Nocera Inferiore, illecita attività bancaria e di prestito a tassi d’usura.

Sono tuttora in corso le operazioni relative all’esecuzione di un Mandato di Arresto Europeo nei confronti di Macario Mariniello da parte della Polizia spagnola, attivata attraverso il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, in Las Pahnas de Gran Canaria, dove si era trasferito dal 2017.

Veniva, altresì, accertato come Giuseppe Mariniello, fratello di Macario, fosse, di fatto, il socio occulto di Mario Tedesco, già amministratore unico della “Nocerina Calcestruzzi s.r.l.”. In particolare, il citato Giuseppe Mariniello, già condannato per il delitto di cui all’art. 416 bis C.P., nonché destinatario della misura di prevenzione della sorveglianza speciale, con obbligo di soggiorno per 3 anni, al fine di eludere la normativa relativa ali’applicazione di misure di prevenzione patrimoniale, fittiziamente intestava il 25% della quote della Nocerina Calcestruzzi S.R.L. alla compagna convivente Silvana Santonicola.

Sommario
Salerno: usura ed estorsione, i Carabinieri del ROS arrestano 5 persone, anche un camorrista
Article Name
Salerno: usura ed estorsione, i Carabinieri del ROS arrestano 5 persone, anche un camorrista
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.