Roma: massacrarono di botte un coetaneo nella metro, Carabinieri arrestano 8 minori

Roma, 9 feb – I Carabinieri della Compagnia Roma Casilina e della Stazione Roma Cinecittà hanno arrestato 8 minorenni, di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, ritenuti gli autori di un violento pestaggio ai danni di un coetaneo, avvenuto il 20 ottobre dello scorso anno, a bordo di un vagone della metropolitana, linea A, nel tratto che va tra le fermate Numidio Quadrato e Subaugusta.

Per la violenta aggressione la vittima, colpita con calci e pugni, cadde rovinosamente a terra e fu portata in ospedale, riportando la frattura di una vertebra e diversi politraumi al cranio ed alla spalla.

Gli arresti sono stati eseguiti, dando esecuzione ad un’ordinanza, che dispone misure cautelari nei confronti degli otto minori, accusati di lesioni personali in concorso, aggravate dai futili motivi, emessa dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Sommario
Roma: massacrarono di botte un coetaneo nella metro, Carabinieri arrestano 8 minori
Article Name
Roma: massacrarono di botte un coetaneo nella metro, Carabinieri arrestano 8 minori
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

1 Commento

  1. Jean Jules Mazza dice

    Si percepisce in questi ragazzi nella loro minore età che ancora bambini, una certa inquietudine un disagio oltre che sociale anche psicologico, io non so darmi una spiegazione perché non ne sarei all’altezza ma io posso solo dire per esperienza che tutto possa dipendere dall’educazione genitoriale cioè il buon esempio dato dai più grandi anche perché i genitori dovrebbero essere i loro confidenti forse in un certo senso manca il dialogo tra genitori è figli. Sembra che ci sia ha mio modo di vedere una sorte di muro invisibile che rende figli e genitori tutti un po più frettolosamente nelle normali impegni della quotidianità distratti cioè manca l’ascolto dei figli ed di conseguenza parlare con i propri figli. Poi ci sono i casi più disperati che i genitori sono i cattivi maestri di vita cioè che con il loro comportamento ineducato danno il cattivo esempio è questo induce ai ragazzi di fare cose che non dovrebbero ne con parole, azioni verso se stessi è verso gli altri quanto di più tra i loro stessi coetanei.
    Dio benedica genitori è figli in questa inquietudine nostra società!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.