Roma: calcio allo stomaco di un turista per strappargli la collana d’ora, i Carabinieri arrestono un libico

Roma, 9 gen – Un 29enne libico è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro dopo aver colpito violentemente con un calcio allo stomaco un turista degli Emirati Arabi, per strappargli la collana in oro che aveva al collo.

E’ accaduto la scorsa notte in via Palestro, mentre il turista stava rientrando in hotel.

Intervenuti sul posto, i Carabinieri hanno prestato soccorso alla vittima e hanno subito raccolto informazioni utili per rintracciare il rapinatore.

Poco dopo, il cittadino libico è stato rintracciato nei paraggi e portato in caserma in attesa del rito direttissimo.

I Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno intensificato i servizi di controllo preventivo nell’area di Termini, proprio per contrastare tale fenomeno che vede come vittime turisti stranieri, ledendo l’immagine della Capitale nel mondo. Negli ultimi mesi, i Carabinieri hanno, infatti, arrestato 32 persone, tutte di origine nordafricana, per 19 episodi di rapina ai danni di turisti, nell’area di Termini.

Sommario
Roma: calcio allo stomaco di un turista per strappargli la collana d'ora, i Carabinieri arrestono un libico
Article Name
Roma: calcio allo stomaco di un turista per strappargli la collana d'ora, i Carabinieri arrestono un libico
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

1 Commento

  1. Jean Jules Mazza dice

    Questo delinquente merita la giusta condanna oltre tutto anche la violenza fisica ad’un turista è penoso che oltre che viene ospitato faccia la vita del delinquente qui lo può fare ma se fosse nel suo paese d’origine sarebbe un’altra storia con epilogo drammatico. Siamo stati anche noi Italiani emigranti ma i nostri sono andati per lavorare oltre oceano con tante difficoltà, patendo anche i freddo un clima non mediterraneo ma al contrario quasi polare. Spero che possa avere la giusta condanna. L’augurio al turista se potessi darei io personalmente le mie scuse mi limiterò ha farli idealmente con il pensiero alla vittima dell’aggressione. Buon anno 2018 il Signore vi benedica! Un abbraccio da Jean.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.