Parco dei Nebrodi: arresti e perquisizioni dei Carabinieri

carabinieri-nebrodiMessina, 4 giu – Un importante risultato è stato conseguito dai Carabinieri nella giornata di ieri a Sant’Agata di Militello (ME) e Naso (ME), dove, nell’ambito dei controlli serrati che in questi giorni il Comando Provinciale Carabinieri di Messina sta svolgendo con il supporto del Nucleo Investigativo e dei militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, a seguito dell’attentato perpetrato il 18 mag u.s. in danno del Presidente del “Parco dei Nebrodi”, sono stati sequestrati 13 kg di marijuana e tratti in arresto due soggetti.

Il primo ad essere stato arrestato è Francesco NICOMEDI, allevatore nato a Naso (ME) nel 64, resosi responsabile di “produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti”. Il predetto, già noto alle forze dell’ordine, aveva occultato in un casolare di sua proprietà ben 13 kg di marijuana essiccata e già confezionata in scatole di cartone, che l’allevatore aveva abilmente occultato nel sottofondo di alcuni fusti metallici custoditi in un locale, reso peraltro inaccessibile da una catasta di legname ivi collocata.

Ciò però non era sufficiente a evitare che lo stupefacente venisse individuato dai Carabinieri dello squadrone “Cacciatori”, particolarmente specializzati nelle ricerche e nelle perquisizioni, che così recuperavano la droga traendo in arresto il NICODEMI.

I controlli hanno poi riguardato anche  soggetti gravati da provvedimenti a vario titolo restrittivi.

In quest’ambito, i controlli sono stati estesi anche al porto di Torrenova (ME), ove i Carabinieri della Compagnia di S. Agata di Militello traevano in arresto Giuseppe PRATICO’, nato ad Ardore (RC) classe 76, per “violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale e ricettazione”.

Costui, infatti, nonostante fosse sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di p.s. che lo obbligava a non allontanarsi dalla sua abitazione in un certo arco orario della giornata, si era comunque fatto un “giro” in barca. Ad attenderlo al porto di Torrenova però vi erano i Carabinieri di S. Agata di Militello che lo bloccavano eseguendo anche una perquisizione presso la sua abitazione, ove veniva rinvenuta un’ingente quantità di attrezzi da pesca, risultati essere stati rubati di recente a Torrenova.

A conclusione delle attività il NICOMEDI è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di S.Agata di Militello, mentre PRATICÒ è stato sottoposto agli arresti domiciliari.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.