Nipote di un boss, sorpreso con la pistola, offre ai carabinieri 10mila euro, arrestato

arresto-carabinieriNapoli, 24 ago -E’ stato bloccato mentre se ne andava in giro per Fuorigrotta, a Napoli, in sella a una moto con una pistola nella cintura. E quando, dopo un breve inseguimento, è stato arrestato, ha offerto ai carabinieri 10mila euro per “chiudere un occhio”. L’uomo, un 26enne già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Bagnoli per porto illegale di arma da fuoco, ricettazione e istigazione alla corruzione per avere commesso il delitto avvalendosi delle condizioni di assoggettamento derivanti dall’appartenenza a un clan.

Il 26enne è infatti nipote di Salvatore Zazo, capo dell’omonimo clan camorristico e ritenuto organico al clan. E’ stato notato su via Campegna, in sella a una potente moto, seguito a ruota da un’altra grossa motocicletta, con in sella 2 persone. I militari gli hanno dunque intimato l’alt per controlli. Alla vista dei carabinieri, il 26enne ha tentato la fuga, poi a provato a scappare a piedi, per poi essere definitivamente bloccato dopo una breve colluttazione. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di una pistola calibro 9×21 con serbatoio e 8 cartucce, che portava nella cintura dei pantaloni. Dalle verifiche dei carabinieri è emerso che l’arma era stata rubata il 7 agosto in zona: durante le operazioni di rito il 26enne ha più volte offerto ai militari che lo avevano bloccato 5.000 euro in denaro contante, a testa, per chiudere ”un occhio”. La pistola è stata sequestrata e sarà inviata al Racis di roma per gli esami balistici di rito per accertare se sia stata impiegata in agguati di camorra. L’altra moto, con gli altri 2 in sella, ha fatto perdere le tracce. L’arrestato è stato condotto nell’istituto penitenziario di Secondigliano. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.