Lo strano congedamento della Tenente Sollecito. Se ne parla stasera su Italia 1 con l’avvocato Carta

tabloid-italia-uno-gasparini-carrera-coggiRoma, 5 lug – Questa sera, nella trasmissione Tabloid, in onda su Italia1 alle ore 21,00, si parla della vicenda occorsa alla Tenente dei Carabinieri Vanessa Sollecito. L’ufficiale, dopo sei anni di servizio nell’Arma ed altri 4 tra Marina ed Aeronautica, il 20 aprile 2009 è stata dichiarata “non idonea” dalla Commissione per gli accertamenti attitudinali del Centro Nazionale di Selezione e Reclutamento del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri nell’ambito delle “Procedure Speciali finalizzate alla stabilizzazione di ufficiali in ferma prefissata, ausiliari dei ruoli speciali e tecnico-logistico dell’Arma dei Carabinieri”. Di conseguenza, è stata congedata e posta fuori dall’Arma dei Carabinieri. Il ricorso avverso tale atto di congedamento è tuttora pendente presso il Consiglio di Stato.

Il caso vuole che la Tenente Sollecito sia la sorella di quel Raffaele Sollecito, accusato nello stesso periodo di avere ucciso, insieme ad Amanda Knox, la giovane inglese Meredith Kercher. La coincidenza temporale tra i due eventi desta più di una perplessità.

Vanessa-Sollecito

La Tenente Vanessa Sollecito

«Tra tutti i casi di ordinaria ingiustizia perpetrata nei confronti dei militari, di cui mi occupo quotidianamente, quello capitato a Vanessa Sollecito è certamente uno dei più macroscopici – riferisce l’Avvocato Giorgio Carta, che la difende -. Si consideri solo che la legge sulle stabilizzazioni di cui si era avvalsa la mia assistita non prevedeva affatto la possibilità di sottoporre gli interessati ad un nuovo accertamento dell’idoneità attitudinale, in quanto già compiuto all’atto dell’arruolamento. Eppure, vi si è proceduto lo stesso. Contro questa palese violazione della legge, chiediamo oggi giustizia davanti al Consiglio di Stato dopo averla vanamente pretesa dal famigerato TAR Lazio».

La conseguenza è che una giovane ufficiale con ottimi requisiti, fra i quali ben due brevetti di volo e una partecipazione ai mondiali di equitazione, è stata ritenuta non più idonea al servizio nell’Arma dei Carabinieri, dopo avervi militato ben sei anni ed aver meritato la qualifica di “superiore alla media”. Essa è stata, pertanto, congedata ed è disoccupata da quell’epoca.

La giornalista Monica Coggi ha intervistato sul caso sia l’avvocato Giorgio Carta che Vanessa Sollecito e stasera il servizio sarà messo in onda.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.