Incendi: pomeriggio di caos e fiamme in Toscana sulle linee ferroviarie regionali

forestale-soccorso-trenoFirenze, 15 lug – Caos e fiamme ieri sulle linee ferroviarie della Toscana. Un treno regionale, durante il suo passaggio e presumibilmente per cause accidentali inerenti il mal funzionamento dei freni, ha provocato l’accensione di tre focolai tra i quali il più grande ha mandato in fumo circa 5.000 metri quadrati di vegetazione e reso necessaria l’evacuazione di alcune abitazioni nella frazione di Ellera, comune di Compiobbi (FI).

Il Corpo forestale dello Stato, con il personale del Comando Provinciale di Firenze e del Comando Stazione di Reggello (FI) è intervenuto in soccorso dei circa 250 passeggeri, in gran parte pendolari, rimasti bloccati per ore dentro il treno, portando acqua a tutti, contribuendo a sedare il panico e lenire il disagio per le condizioni climatiche esasperanti e i malori che si andavano verificando, aiutandoli infine a lasciare la vettura quando nel tardo pomeriggio la situazione si andava risolvendo. Il Comandante della Stazione di Reggello, durante il coordinamento delle attività, è rimasto coinvolto in prima persona da un malore.

Le fiamme sono divampate poco dopo le 16:30 del pomeriggio e sono state sedate completamente intorno alle 22:00. La vegetazione andata in fumo, dalla scarpata adiacente ai binari fino a lambire i più vicini centri abitati, era per lo più composta da arbusti, cespugli e canneti. La circolazione ferroviaria è rimasta bloccata per ore così come gli oltre 250 pendolari, prigionieri dei vagoni roventi, senza possibilità di aprire i finestrini o utilizzare aria condizionata, in preda a un pomeridiano incubo di piena estate. Il Corpo forestale dello Stato ha intrapreso immediatamente anche le attività di repertazione, grazie a una nuova organizzazione in tutta la regione che gli consente un livello di prontezza ottimale per le attività per le attività di prevenzione e contrasto degli incendi boschivi e per quelle di repertazione finalizzate ad individuarne le cause.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.