GENOVA: SI FINGE MARESCIALLO CARABINIERI PER TRUFFARE ANZIANI, ARRESTATO

Genova, 13 lug. – Arrestato il presunto truffatore di anziani che si faceva passare per maresciallo dei carabinieri alla stazione di Genova-Rivarolo. Si tratta di un nomade sinti, E.A., 45 anni di Asti. Gli vengono attribuite 20 truffe, per un bottino di circa 400.000 euro, quasi tutte commesse a Genova, per la maggior parte nella delegazione di Rivarolo. Mostrando un tesserino dell’arma dei carabinieri, il finto maresciallo si presentava a persone anziane con la scusa di dover svolgere indagini su due dipendenti della banca Carige arrestati per traffico di banconote false. Si faceva condurre nell’abitazione della vittima e consegnare il denaro, controllava accuratamente le banconote e le riponeva in una busta, siglandola e invitando l’anziano a tenerla da parte in attesa di successiva verifica. Puntualmente l’anziano, dopo che il truffatore se ne era andato, constatava che nella busta c’era solo carta straccia. Con la stessa tecnica talvolta sparivano anche i gioielli di famiglia. In seguito alle denunce, il vero maresciallo di Rivarolo, Antonino Muscolino, e i suoi investigatori hanno controllato le celle telefoniche impegnate durante le conversazioni telefoniche che il finto carabiniere effettuava ogni volta che fingeva di chiamare i colleghi. I militari hanno accertato che dal luogo di ogni truffa partiva una telefonata del cellulare di Agazzi. Venerdi’ scorso il sinti e’ stato arrestato nella sua villa di Asti, dove erano parcheggiati due camper motorhome del valore di circa 150.000 euro ciascuno, lussuose autovetture e motoveicoli di diversi tipi. Ora e’ sottoposto a obbligo di dimora, in attesa del processo. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.